Un parere aggiornato

Obiettivi per corpi Pentax: impressioni, dubbi, consigli, guide, recensioni.

Moderatori: maxofrome, Enrico, Mauro, old_kappa, Buster

Re: Un parere aggiornato

Messaggioda Mauro » sab mag 16, 2020 1:14 pm

a sant'alessio basta anche un 200
Ma poi, è proprio obbligatorio essere qualcuno?(Raffaello Mascetti)
c’entra come il culo e le quarant’ore
Siamo alle porte co' sassi.
Avatar utente
Mauro
   
 
Messaggi: 28358
Iscritto il: mer feb 13, 2008 10:58 pm
 

Re: Un parere aggiornato

Messaggioda fanagot » sab mag 16, 2020 4:22 pm

sul mio balcone, anche un 135


:asd:
Mancano molte foto di obiettivi che TU magari hai. Controlla nell'archivio e provvedi! Immagine
Avatar utente
fanagot
Non ho ancora svaccato abbastanza?
 
Messaggi: 30543
Iscritto il: ven feb 15, 2008 10:14 am
Località: Paperopoli
 

Re: Un parere aggiornato

Messaggioda Enriko!! » lun mag 18, 2020 8:59 am

Mauro ha scritto:io tanto per il gusto della discussione penso che chi usa un 400 per avifauna è perche non puo permettersi ( per costo o dimensioni o peso ) un 600 e se potesse vorrebbe anche un 800...e se fosse possibile un 1000....non certo per scelta mirata ad avere foto migliori


ah beh su questo sono pienamente d'accordo...esistesse un 150-950 star pro GM sport al prezzo di un tamron/sigma 150-600 nessuno comprerebbe più il tamron sigma 150-600...o anche costasse di più tutti quelli che possono spendere di più prenderebbero il 150-950...




alessandrozero ha scritto:Per capirci meglio, mi piacerebbe che si cominciasse a definire meglio alcuni termini: l'avifauna dei siti di alimentazione artificiale sta alle oasi un pò come le patata di Baywatch sta alle spiaggie.
Nei set fotografici, che siano all'interno di oasi o sul davanzale di casa, la focale adatta dipende perlopiù dall'idea del progettista.

Enriko!! ha scritto:queste fatta all'oasi di Cervara con un 400mm equivalente
Immagine
Immagine


Nonostante la cinciarella non sia specie diffidente, se all'interno di quella stessa oasi si volessero fare le stesse inquadrature senza entrare nei capanni allestiti appositamente per attirare gli uccelli, non credi che le affermazioni di Mauro sopra siano meglio condivisibili?



Umh...allora io ho definito bene il contesto per cui un 600mm equivalente può essere sufficiente per fare avifauna, se uno vuole fare foto in un certo modo e avere certi risultati possono bastare (ho messo comunque in chiaro che più mm si hanno meglio è), per altri contesti può essere sia poco...

Poi a mio parere, ascolta un cretino (cit.), la fotografia di avifauna può avere 3 approcci possibili...(oddio magari anche di più, ma questi sono i 3 filoni principali che ho individuato :asd: )

Chi non vuole dedicarci troppo tempo o comunque vuole trovarsi tutto più o meno pronto (in cui rientro), va nelle oasi attrezzate ci sono i posatoi ed è abbastanza sicuro che quella giornata che dedicherà, se ha un minimo di attrezzatura ed esperienza porterà a casa qualcosa...
Se i capanni sono ben studiati ecc con roba fra i 400 e i 600mm equivalenti te la cavi anche discretamente.
Variante di questo è chi si allestisce uno o più posatioi.

Un altro approccio (quello che personalmente ammiro di più), è quello che praticano un paio di mie conoscenze, studiano l'ambiente fanno escursioni, individuano i posti buoni...dopo qualche uscita di ricognizione, si appostano nel punto buono, distanza ottimale ben mimetizzati cura nel tenersi lontani da zone di nidificazione ecc, e aspettano quello che c'è da aspettare... e ti dirò che molte foto le fanno con il 600mm liscio...e giusto ogni tanto aggiungendo il moltiplicatore 1,4x...o più...certo con soggetti come i passeri sono i più problematici perchè sono molto piccoli.

Il terzo è quello passeggio per i boschi/valli ecc e spero di vedere qualcosa e fotografo...in questo caso per i passeri che bisogna stare sotto i 10metri probabilmente si è corti anche con un 800mm e più)...a meno che di colpi di fortuna o soggetti molto socievoli, meglio con soggetti più grossi ma che probabilmente si terranno comunque spesso a distanze tali cui la resa ne risentirà...

Tornando alla tua domanda iniziale, avrei potuto fare le stesse foto con un 400mm equivalenti in quell'oasi fuori dai capanni attrezzati? no o per lo meno sarebbe stato estremamente più difficile, per due motivi...uno perchè non è permesso uscire dai sentieri e appostarsi dove si vuole, due perchè comunque tendenzialmente i passeri si concentrano dove ci sono le mangiatoie.
Però in altre oasi più libere si ha più margine (penso a Noale), ma volendo vicino casa mia ho individuato almeno 3-4 punti dove con un 600mm equivalente potrei fare foto simili a cince, passeri vari, storni ecc...Ho individuato un albero dove staziona abitualmente anche una poiana e un palo dove c'è spesso un gheppio.
Ho una zona dove potrei abbastanza facilmente appostarmi per fare cavalieri d'italia, garzette, guardabuoi, aironi cenerini e rossi ecc...
tutto questo solo con le passeggiate vicino casa, se avessi "passione" per vegliarmi presto addobbarmi da cespuglio umano/allestire un capanno mobile, probabilmente potrei...
Considerando che un buon punto è un albero che sta 50cm oltre la rete del mio giardino penso che prima o poi lo farò :asd:
MX - MZ-5 - K20D
Pentax-M: 135mm 3,5 - 50mm 1,7 42mm 2,8 - F 300mm F4,5 Star - Tamron 17-50 2,8
Tamron SP 90mm Macro 2,5, 200mm 3,5 - Zeiss Jena 20mm 2,8
Panasonic G3, Olympus OMD EM1, EPL5 adattatore K
http://www.enricochiaretto.it
Avatar utente
Enriko!!
Azionista del forum
 
Messaggi: 3137
Iscritto il: mar feb 23, 2010 4:18 pm
 

Re: Un parere aggiornato

Messaggioda alessandrozero » lun mag 18, 2020 10:01 am

Enriko!! ha scritto:
Mauro ha scritto:io tanto per il gusto della discussione penso che chi usa un 400 per avifauna è perche non puo permettersi ( per costo o dimensioni o peso ) un 600 e se potesse vorrebbe anche un 800...e se fosse possibile un 1000....non certo per scelta mirata ad avere foto migliori


ah beh su questo sono pienamente d'accordo...esistesse un 150-950 star pro GM sport al prezzo di un tamron/sigma 150-600 nessuno comprerebbe più il tamron sigma 150-600...o anche costasse di più tutti quelli che possono spendere di più prenderebbero il 150-950...




alessandrozero ha scritto:Per capirci meglio, mi piacerebbe che si cominciasse a definire meglio alcuni termini: l'avifauna dei siti di alimentazione artificiale sta alle oasi un pò come le patata di Baywatch sta alle spiaggie.
Nei set fotografici, che siano all'interno di oasi o sul davanzale di casa, la focale adatta dipende perlopiù dall'idea del progettista.

Enriko!! ha scritto:queste fatta all'oasi di Cervara con un 400mm equivalente
Immagine
Immagine


Nonostante la cinciarella non sia specie diffidente, se all'interno di quella stessa oasi si volessero fare le stesse inquadrature senza entrare nei capanni allestiti appositamente per attirare gli uccelli, non credi che le affermazioni di Mauro sopra siano meglio condivisibili?



Umh...allora io ho definito bene il contesto per cui un 600mm equivalente può essere sufficiente per fare avifauna, se uno vuole fare foto in un certo modo e avere certi risultati possono bastare (ho messo comunque in chiaro che più mm si hanno meglio è), per altri contesti può essere sia poco...

Poi a mio parere, ascolta un cretino (cit.), la fotografia di avifauna può avere 3 approcci possibili...
Chi non vuole dedicarci troppo tempo o comunque vuole trovarsi tutto più o meno pronto (in cui rientro), va nelle oasi attrezzate ci sono i posatoi ed è abbastanza sicuro che quella giornata che dedicherà, se ha un minimo di attrezzatura ed esperienza porterà a casa qualcosa...
Se i capanni sono ben studiati ecc con roba fra i 400 e i 600mm equivalenti te la cavi anche discretamente.

Un altro approccio (quello che personalmente ammiro di più), è quello che praticano un paio di mie conoscenze, studiano l'ambiente fanno escursioni, individuano i posti buoni...dopo qualche uscita di ricognizione, si appostano nel punto buono, distanza ottimale ben mimetizzati cura nel tenersi lontani da zone di nidificazione ecc, e ti dirò che molte foto le fanno con il 600mm liscio...e giusto ogni tanto aggiungendo il moltiplicatore 1,4x...o più...certo con soggetti come i passeri sono i più problematici perchè sono molto piccoli.

Il terzo è quello passeggio per i boschi/valli ecc e spero di vedere qualcosa e fotografo...in questo caso per i passeri che bisogna stare sotto i 10metri probabilmente si è corti anche con un 800mm...a meno che di colpi di fortuna, meglio con soggetti più grossi ma che probabilmente si terranno comunque spesso a distanze tali cui la resa ne risentirà spesso...

Tornando alla tua domanda iniziale, avrei potuto fare le stesse foto con un 400mm equivalenti in quell'oasi fuori dai capanni attrezzati? no o per lo meno sarebbe stato estremamente più difficile, per due motivi...uno perchè non è permesso uscire dai sentieri e appostarsi dove si vuole, due perchè comunque tendenzialmente i passeri si concentrano dove ci sono le mangiatoie.
Però in altre oasi più libere si ha più margine (penso a Noale), ma volendo vicino casa mia ho individuato almeno 3-4 punti dove con un 600mm equivalente potrei fare foto simili a cince, passeri vari, storni ecc...Ho individuato un albero dove staziona abitualmente anche una poiana e un palo dove c'è spesso un gheppio.
Ho una zona dove potrei abbastanza facilmente appostarmi per fare cavalieri d'italia, garzette, guardabuoi, aironi cenerini e rossi ecc...
tutto questo solo con le passeggiate vicino casa, se avessi "passione" per vegliarmi presto addobbarmi da cespuglio umano/allestire un capanno mobile, probabilmente potrei...
Considerando che un buon punto è un albero che sta 50cm oltre la rete del mio giardino penso che prima o poi lo farò :asd:


Grazie per la risposta :cincin: . Il fatto che nell'oasi ma fuori dal capanno con alimentazione artificiale non saresti riuscito a fare le stesse foto è la conferma che il 400 è corto. La richiesta di VitVit è andar per oasi, i set fotografici allestiti dove l'animale è indotto al passaggio sono un'altra cosa, a prescindere che siano dentro un'oasi o sul balcone di casa (come dimostrato da Fanagot :asd: ). Se tantissimi vanno in oasi con un 400 o un zoom tipo 150-600 è perché (come già detto da Mauro) questo è ciò che offre il mercato a prezzi "accessibili", non perché sia l'ideale.
Feedback
...il mirino della reflex è come la tela del pittore, lo sguardo deve fermarsi sulla sua superficie e guidare la mano a metterci quel che vuoi che si veda, e nulla di più. (Eurostar)
Avatar utente
alessandrozero
Ho fuso la tastiera...
 
Messaggi: 7629
Iscritto il: ven ott 21, 2011 10:19 am
Località: Treviso
 

Re: Un parere aggiornato

Messaggioda Enriko!! » lun mag 18, 2020 10:12 am

beh uno può andare anche per oasi, studiarsi i punti migliori e appostarsi alla distanza ottimale per stare nei 600mm...

Poi fra l'ideale e il non poter combinare niente ci sono molte sfumature...io non ho mai detto che 600mm è l'ideale, ma che è una lunghezza focale sufficiente per portare a casa qualche risultato...in alcuni casi può essere ottimale, in altri no...o corto, dipende ma non è sicuramente una lunghezza focale con cui non si può fare questo genere a priori, altrimenti fossero inutili i 150-600mm su FF non li userebbe nessuno e i sigma 50-500 ancora, e i 600mm li venderebbero con il moltiplicatore saldato
MX - MZ-5 - K20D
Pentax-M: 135mm 3,5 - 50mm 1,7 42mm 2,8 - F 300mm F4,5 Star - Tamron 17-50 2,8
Tamron SP 90mm Macro 2,5, 200mm 3,5 - Zeiss Jena 20mm 2,8
Panasonic G3, Olympus OMD EM1, EPL5 adattatore K
http://www.enricochiaretto.it
Avatar utente
Enriko!!
Azionista del forum
 
Messaggi: 3137
Iscritto il: mar feb 23, 2010 4:18 pm
 

Re: Un parere aggiornato

Messaggioda alessandrozero » lun mag 18, 2020 12:11 pm

Enriko!! ha scritto:beh uno può andare anche per oasi, studiarsi i punti migliori e appostarsi alla distanza ottimale per stare nei 600mm...

Poi fra l'ideale e il non poter combinare niente ci sono molte sfumature...io non ho mai detto che 600mm è l'ideale, ma che è una lunghezza focale sufficiente per portare a casa qualche risultato...in alcuni casi può essere ottimale, in altri no...o corto, dipende ma non è sicuramente una lunghezza focale con cui non si può fare questo genere a priori, altrimenti fossero inutili i 150-600mm su FF non li userebbe nessuno e i sigma 50-500 ancora, e i 600mm li venderebbero con il moltiplicatore saldato


Mi puoi far vedere qualcosa per cortesia? Perché se entriamo nel concetto del forse e della possibilità, oppure inquadrature ambientate, certo, qualsiasi focale è giustificabile.

Per quella che è la mia esperienza, 600mm "equivalenti" dati da un 70-200 duplicato su APSC e 600mm su FF (magari 36mp) offrono opportunità di crop ben diverse .
Se VitVit avesse già il Sigma 70-200 ed il moltiplicatore gli avrei suggerito di provare ed eventualmente croppare; dato che invece chiede consiglio per l'eventuale acquisto, io valuterei altro di più lungo.
Feedback
...il mirino della reflex è come la tela del pittore, lo sguardo deve fermarsi sulla sua superficie e guidare la mano a metterci quel che vuoi che si veda, e nulla di più. (Eurostar)
Avatar utente
alessandrozero
Ho fuso la tastiera...
 
Messaggi: 7629
Iscritto il: ven ott 21, 2011 10:19 am
Località: Treviso
 

Re: Un parere aggiornato

Messaggioda vit vit » lun mag 18, 2020 12:48 pm

Grazie per le risposte.
Con Mauro concordo con un ma:tutti dobbiamo fare i conti chi più chi meno con budget,pesi,tempo,voglia ed ognuno si sceglie il metodo per raggiungere un risultato.Altrimenti mi comprerei tutta l'Australia e ci farei ciò che mi piace.

Nel mio caso un 200x2 non sarebbe male:un ottimo obbiettivo per tutti i giorni ,col dupli per le sporadiche occasioni naturalistiche amatoriali,senza eccessive pretese......anzi ho già sperimentato che un obiettivo troppo specialistico richiede troppa dedizione(uscite mirate, attrezzatura,tecniche raffinate,pazienza oltre che manico)per il mio modo di essere,e ne rimango quasi schiavo.
Avatar utente
vit vit
moderatore e gentiluomo
 
Messaggi: 5732
Iscritto il: gio feb 14, 2008 8:32 am
Località: Milano,ma non ci abito più da un po' di tempo.
 

Re: Un parere aggiornato

Messaggioda carlen » lun mag 18, 2020 1:21 pm

Per incasinare un po' le cose dico che a volte nelle Oasi un 300 e' lungo :asd: :cincin:
….detto questo sto ancora aspettando un 8-600 f2,8 da un Kg a 1300 euro :aureola:
Avatar utente
carlen
SUPERVISOR
 
Messaggi: 30724
Iscritto il: mer feb 13, 2008 7:45 pm
Località: La citta' del socmel....Bologna
 

Re: Un parere aggiornato

Messaggioda Enriko!! » lun mag 18, 2020 1:49 pm

alessandrozero ha scritto:
Enriko!! ha scritto:beh uno può andare anche per oasi, studiarsi i punti migliori e appostarsi alla distanza ottimale per stare nei 600mm...

Poi fra l'ideale e il non poter combinare niente ci sono molte sfumature...io non ho mai detto che 600mm è l'ideale, ma che è una lunghezza focale sufficiente per portare a casa qualche risultato...in alcuni casi può essere ottimale, in altri no...o corto, dipende ma non è sicuramente una lunghezza focale con cui non si può fare questo genere a priori, altrimenti fossero inutili i 150-600mm su FF non li userebbe nessuno e i sigma 50-500 ancora, e i 600mm li venderebbero con il moltiplicatore saldato


Mi puoi far vedere qualcosa per cortesia? Perché se entriamo nel concetto del forse e della possibilità, oppure inquadrature ambientate, certo, qualsiasi focale è giustificabile.

Per quella che è la mia esperienza, 600mm "equivalenti" dati da un 70-200 duplicato su APSC e 600mm su FF (magari 36mp) offrono opportunità di crop ben diverse .
Se VitVit avesse già il Sigma 70-200 ed il moltiplicatore gli avrei suggerito di provare ed eventualmente croppare; dato che invece chiede consiglio per l'eventuale acquisto, io valuterei altro di più lungo.



queste? 280mm x2 (600 mm scarsi, il conto esatto non lo so fare...)
https://www.flickr.com/photos/40788066@ ... 1392656703
Poi come ho scritto non ho voglia di star li a studiarmi i posti dove appostarmi ecc, vado in oasi con i set allestiti e mi trovo la pappa pronta, ho un albero appena fuori casa dove potrei benissimo mettermici...magari uno di questi giorni mi apposto li e metto qualche foto, ma per dire, mi sono messo il posatioio in giardino per non fare la fatica di uscire dal cancello di casa :asd:
MX - MZ-5 - K20D
Pentax-M: 135mm 3,5 - 50mm 1,7 42mm 2,8 - F 300mm F4,5 Star - Tamron 17-50 2,8
Tamron SP 90mm Macro 2,5, 200mm 3,5 - Zeiss Jena 20mm 2,8
Panasonic G3, Olympus OMD EM1, EPL5 adattatore K
http://www.enricochiaretto.it
Avatar utente
Enriko!!
Azionista del forum
 
Messaggi: 3137
Iscritto il: mar feb 23, 2010 4:18 pm
 

Re: Un parere aggiornato

Messaggioda alessandrozero » lun mag 18, 2020 2:30 pm

Enriko!! ha scritto:
vit vit ha scritto:Grazie per le risposte.
Con Mauro concordo con un ma:tutti dobbiamo fare i conti chi più chi meno con budget,pesi,tempo,voglia ed ognuno si sceglie il metodo per raggiungere un risultato.Altrimenti mi comprerei tutta l'Australia e ci farei ciò che mi piace.

Nel mio caso un 200x2 non sarebbe male:un ottimo obbiettivo per tutti i giorni ,col dupli per le sporadiche occasioni naturalistiche amatoriali,senza eccessive pretese......anzi ho già sperimentato che un obiettivo troppo specialistico richiede troppa dedizione(uscite mirate, attrezzatura,tecniche raffinate,pazienza oltre che manico)per il mio modo di essere,e ne rimango quasi schiavo.


queste? 280mm x2 (600 mm scarsi, il conto esatto non lo so fare...)
https://www.flickr.com/photos/40788066@ ... 1392656703
Poi come ho scritto non ho voglia di star li a studiarmi i posti dove appostarmi ecc, vado in oasi e mi trovo la pappa pronta, ho un albero appena fuori casa dove potrei benissimo mettermici...magari uno di questi giorni mi apposto li e metto qualche foto, ma per dire, mi sono messo il posatioio in giardino per non fare la fatica di uscire dal cancello di casa :asd:


Dunque fuori di capanno. Che oasi è? Contesto di scatto? Come si è ottenuto? Quanto crop? Colpo fortuito o normalità per quella oasi? In quella oasi, quante volte la focale è risultata appropriata e quante volte ci si è mangiati le mani perché insufficiente?
Mi è utile per capire se ci sono oasi così ricche che io non conosco.
Feedback
...il mirino della reflex è come la tela del pittore, lo sguardo deve fermarsi sulla sua superficie e guidare la mano a metterci quel che vuoi che si veda, e nulla di più. (Eurostar)
Avatar utente
alessandrozero
Ho fuso la tastiera...
 
Messaggi: 7629
Iscritto il: ven ott 21, 2011 10:19 am
Località: Treviso
 

Re: Un parere aggiornato

Messaggioda Enriko!! » lun mag 18, 2020 2:43 pm

zone attorno casa...gira, basta aspettarla nei punti giusti...
MX - MZ-5 - K20D
Pentax-M: 135mm 3,5 - 50mm 1,7 42mm 2,8 - F 300mm F4,5 Star - Tamron 17-50 2,8
Tamron SP 90mm Macro 2,5, 200mm 3,5 - Zeiss Jena 20mm 2,8
Panasonic G3, Olympus OMD EM1, EPL5 adattatore K
http://www.enricochiaretto.it
Avatar utente
Enriko!!
Azionista del forum
 
Messaggi: 3137
Iscritto il: mar feb 23, 2010 4:18 pm
 

Re: Un parere aggiornato

Messaggioda goatto » lun mag 18, 2020 4:11 pm

È vero, nelle oasi a volte può essere troppo "lungo" anche un 300mm su apsc.
L'ideale sarebbe uno zoom sui 150-600, poi in generale è chiaro che si è sempre "corti", la cosa migliore sarebbe poter tornare più volte negli stessi luoghi per cercare migliori zone di ripresa.
Avatar utente
goatto
Azionista del forum
 
Messaggi: 4284
Iscritto il: mer feb 13, 2008 9:18 pm
Località: Parma
 

Re: Un parere aggiornato

Messaggioda vit vit » lun mag 18, 2020 5:19 pm

Chiaro.
A febbraio ero nella riserva naturalistica del delta dell'Ebre,ero appostato in van col 70/300 sigma che a parte la qualità sulle lunghe distanze,potevo ricavarne immagini discrete(centinaia di fenicotteri,qualche Martino e cose meno interessanti).. .ma serviva pazienza per farli abituare alla mia presenza.Infatti dopo 2 ore sono andato a farmi una birra,mentre col 600 portavo a casa qualche primo piano :facciac:
Avatar utente
vit vit
moderatore e gentiluomo
 
Messaggi: 5732
Iscritto il: gio feb 14, 2008 8:32 am
Località: Milano,ma non ci abito più da un po' di tempo.
 

Precedente

Torna a Obiettivi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti