Trattamento Ilford Delta 3200

Camera oscura, strumenti, proiettori, archiviazione.

Moderatori: maxofrome, Enrico, Mauro, old_kappa, Buster

Re: Trattamento Ilford Delta 3200

Messaggioda emmeci » mer giu 08, 2016 12:57 pm

oldrado ha scritto:Hai ragione. Avevo già corretto il mio post, se vedi sopra :wink: :cincin:

:cincin:
Avatar utente
emmeci
Ho fuso la tastiera...
 
Messaggi: 8519
Iscritto il: gio mar 20, 2008 10:49 am
Località: Genova - Levante
 

Re: Trattamento Ilford Delta 3200

Messaggioda LucaRoni » mer giu 08, 2016 2:01 pm

scusate ma sono ancora un po' confuso!
se decidessi di tagliare la testa al toro e settare la macchinetta a 3200 (come dice la ilford) e sviluppo secondo i tempi che dice il mio sviluppo, in teoria dovrebbe venir bene, giusto? ma se la reale sensibilità è 1000 iso (e la macchinetta crede che sia 3200) come fa a non venire sottoesposta?
LucaRoni
utente appena uscito dall'imballo
 
Messaggi: 6
Iscritto il: mar giu 07, 2016 11:31 pm
 

Re: Trattamento Ilford Delta 3200

Messaggioda nonpigliounoshoot » mer giu 08, 2016 2:23 pm

non mi pare la Ilford dica di settare a 3200..

Se la sensibilità è a poco più di mille sai che scatti sottoesposto e dovrai adeguare le impostazioni di scatto sapendo che tendenzialmente verranno scure e con grana nei neri se scatti in automatico. In manuale puoi sempre sovra-sottoesporre secondo quello che vuoi fare.

Quando scatti con le digitali puoi sempre in post "tirare" il file sovra-sottoespondendo.
Lo stesso quando sviluppi la pellicola. se sei sovraesposto è come se tu esponessi a destra e viceversa

my two cents
Ultima modifica di nonpigliounoshoot il mer giu 08, 2016 2:26 pm, modificato 1 volta in totale.
Pentax K70 - Pentax K 30 - 18-55 DAL WR - 55-300 DAL (semirotto) - 55-300 DA - Pentax SMC DA 35mm f/2.8 Macro Limited - Pentax SMC DA 12-24mm f/4 ED AL - A 50 f 1.7 - M 50 1.4 - A 28 2.8 - M 135 3.5 - A 35 2.8 - ME super - Zenit E - Elios 44 2.0 -
nonpigliounoshoot
Azionista del forum
 
Messaggi: 3789
Iscritto il: ven gen 24, 2014 11:55 am
 

Re: Trattamento Ilford Delta 3200

Messaggioda emmeci » mer giu 08, 2016 2:25 pm

LucaRoni ha scritto:scusate ma sono ancora un po' confuso!
se decidessi di tagliare la testa al toro e settare la macchinetta a 3200 (come dice la ilford) e sviluppo secondo i tempi che dice il mio sviluppo, in teoria dovrebbe venir bene, giusto? ma se la reale sensibilità è 1000 iso (e la macchinetta crede che sia 3200) come fa a non venire sottoesposta?

Scusa, ma l'hai letta la tabella Ilford? Fai conto di avere una pellicola "zoom", con un "range" di sensibilità, puoi esporre alla sensibilità che ti serve e ottenere buoni risultati adeguando il tempo di sviluppo; è una cosa diversa dal "tirare" una pellicola normale, ch viene prima sottoesposta e poi sovrasviluppata.
Buona luce!
Avatar utente
emmeci
Ho fuso la tastiera...
 
Messaggi: 8519
Iscritto il: gio mar 20, 2008 10:49 am
Località: Genova - Levante
 

Re: Trattamento Ilford Delta 3200

Messaggioda oldrado » mer giu 08, 2016 3:28 pm

Quoto quanto detto da Emmeci. Mi sa che stai facendo un po' di confusione...: 3200 iso è la sensibilità nominale. Per cui, puoi ovviamente esporre il film a quella sensibilità. Poi, in fase di sviluppo, userai i tempi indicati per l'esposizione che hai usato in fase di scatto. Se invece esponi a sensibilità diverse, usi i tempi di sviluppo indicati per quelle sensibilità. E' molto semplice.

Mi sembra che tu stia girando intorno al concetto "la Delta 3200 non è una vera 3200...", che è una frase di scarso senso. Si tratta sicuramente di una 3200 (perché la puoi esporre a 3200 e sviluppare di conseguenza), ma puoi esporla anche a EI inferiori (sempre sviluppandola di conseguenza). Anche perché hai la fortuna di fare tutto da solo... capirei se tu dovessi portare il rullino a un laboratorio, allora sì che dovresti preoccuparti di indicare che hai scattato a 1600 iso e assicurarti che sviluppino di conseguenza.
A cosa serve una grande profondità di campo se non c'è un'adeguata profondità di sentimento? (Eugene Smith)

Le mie foto su Flickr: https://www.flickr.com/photos/110391080@N03/.
Avatar utente
oldrado
Postofilo forsennato
 
Messaggi: 833
Iscritto il: gio set 11, 2014 10:29 am
Località: Roma
 

Re: Trattamento Ilford Delta 3200

Messaggioda LucaRoni » mer giu 08, 2016 4:36 pm

Si certo, è chiarissimo che posso esporre la pellicola a sensibilità differenti (come con tutte le pellicole),ma mi sto spiegando un pochino male. Con "come dice la ilford" volevo soltanto dire che comunque nella codifica DX della pellicola viene comunicato alla camera una sensibilità di 3200iso, poi è ovvio che nessuno ti vieta, anzi, di sovra/sottoesporla per i diversi scopi. Ed è proprio quello che vorrei fare ma cercavo di capire come farlo al meglio visto che mi ha preoccupato la frase "la delta 3200 non è una vera 3200" e non sono certo un esperto nell'adattare lo sviluppo! Quindi, se volessi sovraesporre la pellicola settando a 1600iso dovrei sottosviluppare la pellicola, ma come calcolo il tempo ideale di sviluppo?
LucaRoni
utente appena uscito dall'imballo
 
Messaggi: 6
Iscritto il: mar giu 07, 2016 11:31 pm
 

Re: Trattamento Ilford Delta 3200

Messaggioda oldrado » mer giu 08, 2016 6:43 pm

LucaRoni ha scritto: Quindi, se volessi sovraesporre la pellicola settando a 1600iso dovrei sottosviluppare la pellicola, ma come calcolo il tempo ideale di sviluppo?


Molti lo fanno, sfruttando la amplissima latitudine di posa di questa pellicola. E pare che i risultati siano gradevoli. Leggi qui: http://photo.net/black-and-white-photo- ... rum/00ZpyN
Al massimo puoi prolungare di poco il bagno (del 25% o del 50%). Insomma... sperimenta un po'! :ook: Magari scatta un test roll ai tuoi gatti o, in mancanza di gatti, alle tue top... ops! ai tuoi topi... :ghgh:
A cosa serve una grande profondità di campo se non c'è un'adeguata profondità di sentimento? (Eugene Smith)

Le mie foto su Flickr: https://www.flickr.com/photos/110391080@N03/.
Avatar utente
oldrado
Postofilo forsennato
 
Messaggi: 833
Iscritto il: gio set 11, 2014 10:29 am
Località: Roma
 

Re: Trattamento Ilford Delta 3200

Messaggioda LucaRoni » mer giu 08, 2016 11:20 pm

[quote="oldrado"]
Al massimo puoi prolungare di poco il bagno (del 25% o del 50%).

intendi forse "accorciare"?? non prolungare il bagno. O se non accorciare effettuare diluizioni a parità di tempo. Giusto?
LucaRoni
utente appena uscito dall'imballo
 
Messaggi: 6
Iscritto il: mar giu 07, 2016 11:31 pm
 

Re: Trattamento Ilford Delta 3200

Messaggioda oldrado » gio giu 09, 2016 8:29 am

LucaRoni ha scritto:
oldrado ha scritto:Al massimo puoi prolungare di poco il bagno (del 25% o del 50%).

intendi forse "accorciare"?? non prolungare il bagno. O se non accorciare effettuare diluizioni a parità di tempo. Giusto?


Sì, certo. Perdonami. Se sovraesponi, sottosviluppi; se sottoesponi, sovrasviluppi. :ook: Resta valido il consiglio di "buttare" un rullino di prova, sottoesponendolo a 1600 e sviluppandolo secondo i tempi normali (come se lo avessi scattato alla sensibilità nominale di 3200) e verificare se i risultati ti piacciono. In particolare, se le ombre ti sembreranno ancora troppo chiuse e le luci troppo aperte (contrasto troppo alto e pochi dettagli), allora potrai ridurre il tempo o aumentare la diluizione... "spannometricamente" (ossia, a occhio) la prossima volta.

Buon divertimento!

P.S. Mi hai fatto venire voglia di prendere una Delta 3200, esporla a 1600 e portarla dal mio sviluppatore senza dire nulla....
P.P.S. Di più: mi hai fatto venire voglia di andare a rispolverare la mia tank nello sgabuzzino!!
A cosa serve una grande profondità di campo se non c'è un'adeguata profondità di sentimento? (Eugene Smith)

Le mie foto su Flickr: https://www.flickr.com/photos/110391080@N03/.
Avatar utente
oldrado
Postofilo forsennato
 
Messaggi: 833
Iscritto il: gio set 11, 2014 10:29 am
Località: Roma
 

Re: Trattamento Ilford Delta 3200

Messaggioda LucaRoni » gio giu 09, 2016 1:42 pm

Ahahahah mi fa piacere averti fatto tornare certe voglie!! :happy2: :happy2: :happy2: comunque si ho deciso che lo sovraesporrò a 1600 e svilupperò normalmente, come dicono i signori del link che hai mandato, i risultati non mi dispiacciono affatto!! :ook: :ook: :ook: grazie mille dei consigli e della pazienza che mi avete dedicato!!
ah, appena sviluppata la pellicola (abbiate pazienza che io ci metto una mesata ogni 36 scatti) vi mando i risultati se siete curiosi!
ancora grazie mille e BUONI SCATTI A TUTTIII!! :cincin: :happy2:
LucaRoni
utente appena uscito dall'imballo
 
Messaggi: 6
Iscritto il: mar giu 07, 2016 11:31 pm
 

Re: Trattamento Ilford Delta 3200

Messaggioda nonpigliounoshoot » gio giu 09, 2016 2:38 pm

Se ti interessa ho ritirato le foto 10x15, la scansione non fa testo, ma spero renda idea. 800 ASA sviluppato a 1600, non so come però.
In sede di scatto talvolta ho sovraesposto e talvolta sottoesposto..
Link: viewtopic.php?f=4&t=94856&p=1268916#p1268916
Pentax K70 - Pentax K 30 - 18-55 DAL WR - 55-300 DAL (semirotto) - 55-300 DA - Pentax SMC DA 35mm f/2.8 Macro Limited - Pentax SMC DA 12-24mm f/4 ED AL - A 50 f 1.7 - M 50 1.4 - A 28 2.8 - M 135 3.5 - A 35 2.8 - ME super - Zenit E - Elios 44 2.0 -
nonpigliounoshoot
Azionista del forum
 
Messaggi: 3789
Iscritto il: ven gen 24, 2014 11:55 am
 

Precedente

Torna a Sviluppo e stampa

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite