Riproponto quisito: quale stampate ink-jet fine art?

Camera oscura, strumenti, proiettori, archiviazione.

Moderatori: maxofrome, Enrico, Mauro, old_kappa, Buster

Re: Riproponto quisito: quale stampate ink-jet fine art?

Messaggioda fanagot » ven feb 13, 2015 8:53 am

la mia epson, che ha credo 3 o 4 anni, non ha mai mostrato nessun problema di ugelli secchi.
nemmeno lasciandola ferma piu' di un mese, in mansarda, in agosto.
e non la spengo nemmeno mai, e' sempre in standbay
mentre quella che avevo prima, se la lasciavi ferma una settimana, era un disastro.
Mancano molte foto di obiettivi che TU magari hai. Controlla nell'archivio e provvedi! Immagine
Avatar utente
fanagot
Non ho ancora svaccato abbastanza?
 
Messaggi: 30010
Iscritto il: ven feb 15, 2008 10:14 am
Località: Paperopoli
 

Re: Riproponto quisito: quale stampate ink-jet fine art?

Messaggioda ntx » ven feb 13, 2015 8:59 am

Scorpio ha scritto:Poi, ribadisco, delegare laboratori esterni non è il male, ma, parimenti, non lo è nemmeno stamparsi in proprio le foto in casa


Le mie scelte valgono per me. Al circolo fotografico a richiesta di parere ho dato il mio parere. Se tu mi dici che non succede che le stampanti si autoazzoppano pulendo gli ugelli ti rispondo che non e' vero, succede.
Cio' detto secondo me se uno vuole stampare fine-art in casa, la domanda su quale stampante acquistare non doveva nemmeno farla poiche' si presuppone - se vuoi fare fine-art - che sei gia' parecchio scafato sull'argomento. E' come quando si chiede quale software per sviluppare i RAW installare per avere la massima qualita': non e' cosi' che funziona.

Ciao
Jenner
ntx
Tetratricoctomo
 
Messaggi: 14347
Iscritto il: gio mag 07, 2009 7:55 am
Località: Bassa romagnola
 

Re: Riproponto quisito: quale stampate ink-jet fine art?

Messaggioda gr8wings » ven feb 13, 2015 9:02 am

Eurostar ha scritto:Io, se non pensi di stampare regolarmente (che significa vendere le stampe), mi terrei lontano da questo tipo di stampanti: costano tanto, l'inchiostro costa tanto, la gestione di routine (pulizia testine da fare pateticamente prima di ogni stampa seria) consuma tanto. Meglio affidarsi ad un laboratorio.


++1
trovati un buon laboratorio che usi carta fotografica e inchiostri di qualità, il questo caso il rapporto Q/P è davvero ottimo.
Il mio fornitore in Puglia è fenomenale, sia per le stampe sino a 20x15 circa dalla Kyocera che per le stampe a rullo dal plotter Epson9000 formato A0 !
La resa e la durata dei colori delle stampe professionali non l'avrai mai con le stampantine da salotto.
La Fotografia è la disciplina per chi non ha disciplina
PENTAX K5 II vari DA Star qua e là ... un fisheye 8mm le vintage A28/2.8 A50/1.7 M135/3.5 | My Pentax Gallery | RP Photography| RP on Facebook
Avatar utente
gr8wings
Libero FotoAmatore
 
Messaggi: 2242
Iscritto il: gio apr 17, 2008 6:09 pm
Località: Roma
 

Re: Riproponto quisito: quale stampate ink-jet fine art?

Messaggioda Gianpaolo64 » ven feb 13, 2015 9:52 am

Scorpio ha scritto:Ma questo "calvario", deriva da voci del cugino del fratello dell'amico del cane di uno che ha sentito che il vicino si lamentava della pulizia delle testine? :asd:

Perché queste vocili ho solo letti su alcuni fora ma all'atto pratico sta tragedia non mi si è mai verificata.


Io sono uno di quelli che hanno sempre avuto problemi di pulizia testine e spreco di inchiostri, in 10 anni: una Canon a 6 colori, una Epson (sempre a 6), una Canon a 4 colori, tutte buttate perchè dopo un periodo di inattività non sono piu' riuscito a farle stampare senza righe. Senza contare le infinite pulizie ogni volta che la stampante stava ferma un paio di mesi e gli inchiostri svaniti anche senza usare la stampante (ma dove vanno a finire ???).
Alla fine ho preso una laser per le stampe normali e le foto le faccio stampare su carta chimica. Almeno quando mi serve una stampa accendo la stampante e stampo anche se è stata spenta 6 mesi.
Avatar utente
Gianpaolo64
Dito seduto
 
Messaggi: 2465
Iscritto il: ven mar 06, 2009 10:03 am
Località: Prov. di Torino
 

Re: Riproponto quisito: quale stampate ink-jet fine art?

Messaggioda gr8wings » ven feb 13, 2015 9:56 am

Gianpaolo64 ha scritto:
Scorpio ha scritto:Ma questo "calvario", deriva da voci del cugino del fratello dell'amico del cane di uno che ha sentito che il vicino si lamentava della pulizia delle testine? :asd:

Perché queste vocili ho solo letti su alcuni fora ma all'atto pratico sta tragedia non mi si è mai verificata.


Io sono uno di quelli che hanno sempre avuto problemi di pulizia testine e spreco di inchiostri, in 10 anni: una Canon a 6 colori, una Epson (sempre a 6), una Canon a 4 colori, tutte buttate perchè dopo un periodo di inattività non sono piu' riuscito a farle stampare senza righe. Senza contare le infinite pulizie ogni volta che la stampante stava ferma un paio di mesi e gli inchiostri svaniti anche senza usare la stampante (ma dove vanno a finire ???).
Alla fine ho preso una laser per le stampe normali e le foto le faccio stampare su carta chimica. Almeno quando mi serve una stampa accendo la stampante e stampo anche se è stata spenta 6 mesi.


Hai fatto bene, gli inchiostri evaporano !
La Fotografia è la disciplina per chi non ha disciplina
PENTAX K5 II vari DA Star qua e là ... un fisheye 8mm le vintage A28/2.8 A50/1.7 M135/3.5 | My Pentax Gallery | RP Photography| RP on Facebook
Avatar utente
gr8wings
Libero FotoAmatore
 
Messaggi: 2242
Iscritto il: gio apr 17, 2008 6:09 pm
Località: Roma
 

Re: Riproponto quisito: quale stampate ink-jet fine art?

Messaggioda xyennio » ven feb 13, 2015 10:10 am

fanagot ha scritto:la mia epson, che ha credo 3 o 4 anni, non ha mai mostrato nessun problema di ugelli secchi.
nemmeno lasciandola ferma piu' di un mese, in mansarda, in agosto.
e non la spengo nemmeno mai, e' sempre in standbay
mentre quella che avevo prima, se la lasciavi ferma una settimana, era un disastro.



qual'è la tua epson attuale?
pentax-K5, S. 10-20; P. 17-70; K135; T. 70-200 2.8; P M50 1.7; Manfrotto MT294A3 + 496RC2
Metz 52 AF1 ( D'Ettorre ); Yongnuo 460II, ammenicoli vari

Immagine

mio sito
Pentaxiani siculi
Flickr
Avatar utente
xyennio
Azionista del forum
 
Messaggi: 4795
Iscritto il: dom feb 13, 2011 5:21 pm
Località: Palermo
 

Re: Riproponto quisito: quale stampate ink-jet fine art?

Messaggioda fanagot » ven feb 13, 2015 10:34 am

xyennio ha scritto:
fanagot ha scritto:la mia epson, che ha credo 3 o 4 anni, non ha mai mostrato nessun problema di ugelli secchi.
nemmeno lasciandola ferma piu' di un mese, in mansarda, in agosto.
e non la spengo nemmeno mai, e' sempre in standbay
mentre quella che avevo prima, se la lasciavi ferma una settimana, era un disastro.



qual'è la tua epson attuale?


PX710W
Mancano molte foto di obiettivi che TU magari hai. Controlla nell'archivio e provvedi! Immagine
Avatar utente
fanagot
Non ho ancora svaccato abbastanza?
 
Messaggi: 30010
Iscritto il: ven feb 15, 2008 10:14 am
Località: Paperopoli
 

Re: Riproponto quisito: quale stampate ink-jet fine art?

Messaggioda Scorpio » dom feb 15, 2015 6:26 pm

la discussione si fa interessante....

Eurostar ha scritto:
No no, non per sentito dire, ehhh, se ho provato. Stampante A2, Stampante A3+ esacromica... però tra 15 e 6-7 anni fa. Per cui sono felice di sentire oggi che tutto è a posto. Ma non fa più per me.


stampanti più vecchie, aveva in effetti una serie di problemi, come un BN affetto da metamerismo ed altri problemi che modelli più nuovi hanno diminuito.
Basti pensare che in passato per il BN era fondamentale convertire la stampante a pigmenti di carbone, cosa che adesso non è più necessaria.
comunque è vero che per buoni risultati non basta la sola stampante

Eurostar ha scritto:E poi dipende anche dal perfezionismo di ognuno. Ho visto stampe presentate a concorsi con le righe. Io una volta per riuscire a far smettere di far fare le righe alla mia A2, ci ho smazzato una cartuccia.


Concordo, per decidere di stampare in proprio bisogna puntare alla qualità, altrimenti è solo una perdita di tempo, e per puntare sulla qualità è importante settare tutto il flusso di lavoro su quel parametro.
Certe volte le righe non sono questione solo di ugelli otturati, certe volte è anche il caricamento della carta o settare impostazioni sbagliate sulla stampante.
Per evitare righe, meglio caricare la carta frontalmente (o sul retro) al fine di non fare piegare il foglio di carta (non tutte le stampanti lo fanno).
Certo così, bisogna scordarsi le code di stampa con fogli messi tutti in un vassoio che la stampante si pesca da soli; in realtà si potrà stampare una foto alla volta ed ogni foglio da caricare accuratamente il singolo foglio (perché il vassoio di caricamento non si usa).
Oppure stampare disattivando la funzione che permette di stampare in modo bidirezionale.
Anche qui si rallenta la stampa, ma non dovrebbe essere la fretta a guidare la voglia di stampare in casa.

fanagot ha scritto:la mia epson, che ha credo 3 o 4 anni, non ha mai mostrato nessun problema di ugelli secchi.
nemmeno lasciandola ferma piu' di un mese, in mansarda, in agosto.
e non la spengo nemmeno mai, e' sempre in standbay
mentre quella che avevo prima, se la lasciavi ferma una settimana, era un disastro.


La tua stampante utilizza inchiostri Dye, che sono praticamente esenti dal seccarsi nelle testine anche dopo periodi di inattività.
Il rovescio della medaglia è che gli inchiostri della tua epson (claria) non sono adatti al BN e nelle cartucce originali, costano un abisso
Immagine
Avatar utente
Scorpio
Callaghan Prrrrrrrr !!!
 
Messaggi: 5189
Iscritto il: lun gen 19, 2009 12:45 am
 

Re: Riproponto quisito: quale stampate ink-jet fine art?

Messaggioda Scorpio » dom feb 15, 2015 6:56 pm

ntx ha scritto:
Scorpio ha scritto:Poi, ribadisco, delegare laboratori esterni non è il male, ma, parimenti, non lo è nemmeno stamparsi in proprio le foto in casa


Le mie scelte valgono per me. Al circolo fotografico a richiesta di parere ho dato il mio parere. Se tu mi dici che non succede che le stampanti si autoazzoppano pulendo gli ugelli ti rispondo che non e' vero, succede.
Cio' detto secondo me se uno vuole stampare fine-art in casa, la domanda su quale stampante acquistare non doveva nemmeno farla poiche' si presuppone - se vuoi fare fine-art - che sei gia' parecchio scafato sull'argomento. E' come quando si chiede quale software per sviluppare i RAW installare per avere la massima qualita': non e' cosi' che funziona.


E' sul termine "autoazzoppano" che non concordo. Lo descrivi come una via crucis, ma non lo è.
Al mio circolo fotografico avevano una epson 2100 che non usavano da anni, un giorno provano a stampare, e ovviamente stampava a tratti, anche il semplice testo.
Aveva buona parte degli ugelli otturati.
Mi si chiede di vedere di sbloccarla, ed io temo di dovere prenderla e lanciarla dalla finestra.
Alla fine la stampante dopo circa un 15 minuti ha ripreso a funzionare, ma ripeto, non stampava da circa tre anni :miii:
Non è stata questa tragedia, eppure vi erano tutti i presupposti, in quanto caso limite
Ovvio che dopo averla mesa in linea, nessuno ci ha più stampato niente, ma questo era da immaginarlo.

Cio' detto secondo me se uno vuole stampare fine-art in casa, la domanda su quale stampante acquistare non doveva nemmeno farla poiche' si presuppone - se vuoi fare fine-art - che sei gia' parecchio scafato sull'argomento. E' come quando si chiede quale software per sviluppare i RAW installare per avere la massima qualita': non e' cosi' che funziona.


Sul punto non posso concordare, si deve pur iniziare da qualche parte.

Io ho iniziato con uno calibratore monitor con un pessimor monitor TV sony bravia.
Successivamente ho preso una stampante di modello simile a quella del papero, a cui ho sostituito gli inchiostri con quelli della lyson (purtroppo più piccole sono le cartucce delle stampanti, maggiore è il costo al litro dell'inchiostro.
Con gli inchiostri non originali, non potevo più contare nemmeno sul driver di stampa, ero in pratica, fuori anni luce (ma ne ero consapevole).
Poi, invece di prendere un colormunki, che ha delle limitazioni hardware, sono riuscito a trovare uno spettrofotometro e lì ho cominciato a calibrare la stampante.
Ma avevo il problema che a stampa i colori erano diversi dal monitor, quindi il passo successivo è stato un monitor widegamut.
Alla fine ho preso una stampante a3+ e poi una A2.
Potrei dirti di tutti gli errori commessi nei vari passaggi, ma non puoi oggettivamente avere tutto in un colpo solo.
Quindi non puoi iniziare avendo tutto insieme, a meno di non avere un budget illimitato.

L'ideale è avere l'ammiraglia pentax con ottiche star o limited, non puoi però pretenderle di comprarle tutte insieme.
Io per le mie star ci ho impiegato anni.

In tutto ciò, non hai soddisfatto la mia curiosità: che stampante è?

ntx ha scritto:Come sai, quindi, la mia soluzione e' stata semplicemente quella di delegare questo lavoro, pagandolo, a qualcuno che ritiene accettabile smazzarsi di persona queste porcherie. Se vuoi puoi anche farti avanti, ti pago volentieri, tieni solo presente che io stampo dal 20x30 fino al 100x70, piu' fotolibri.


Vedi, comprendo che la tua sia più una "provocazione", ma io posso stampare al massimo in A2 (quindi un 60x40 è proprio il limite), e poi vi è un problema di distanze, non sono un professionista che lavora su questo, (nella vita faccio ben altro), quindi i corrieri inciderebbero notevolmente, in quanto chi ha grisso volumi può contrattare sui prezzi, forse a questo punto ti converrebbe provare una stampa cosiddetta fine-art

Vorrei anche io, nel mio piccolo fare una piccola "provocazone", tu in altro thread hai scritto:

Per questo fotolibro ho voluto utilizzare la carta ProLine non patinata. Si tratta di una carta opaca, con uno spessore e un peso importante: il fotolibro pesa 1.2Kg! Se considerate che sono 47 fogli, togliamo - ad esagerare - 100gr circa per la copertina, esce fuori che e' carta da 250 gr/mq.
La consistenza e' magnifica e ha la peculiarita' - oggi che siamo abituati a carte molto sottili e leggere


Il che, tempo fa mi fece sorridere, perché ad oggi la mia carta più leggera ha un peso di 300 gr/mq


Il mio prossimo step, sarà tentare di sostiruire il driver della stsmpante con un RIP, il che significa azzerare tutto quello che si è fatto fino ad oggi, ma appena avrò meno impegni, ci proverò e vediamo come andrà
Ultima modifica di Scorpio il dom feb 15, 2015 10:21 pm, modificato 1 volta in totale.
Immagine
Avatar utente
Scorpio
Callaghan Prrrrrrrr !!!
 
Messaggi: 5189
Iscritto il: lun gen 19, 2009 12:45 am
 

Re: Riproponto quisito: quale stampate ink-jet fine art?

Messaggioda Scorpio » dom feb 15, 2015 7:09 pm

gr8wings ha scritto: che per le stampe a rullo dal plotter Epson9000 formato A0 !
La resa e la durata dei colori delle stampe professionali non l'avrai mai con le stampantine da salotto.


In realtà, la Epson pro 9000 utilizza i medesimi inchiostri della stampante del papero, tant'è che c'è chi si compra i cartuccioni della 9000 per caricare stampanti più piccole (il costo al litro è notevolmente inferiore)

fanagot ha scritto:
PX710W


ovvio che non so se il papero la tiene nel salotto :asd:

Però, ciò fa venir meno quant da te detto circa la durata :teach:
Immagine
Avatar utente
Scorpio
Callaghan Prrrrrrrr !!!
 
Messaggi: 5189
Iscritto il: lun gen 19, 2009 12:45 am
 

Re: Riproponto quisito: quale stampate ink-jet fine art?

Messaggioda Scorpio » dom feb 15, 2015 7:15 pm

Gianpaolo64 ha scritto:
Scorpio ha scritto:Ma questo "calvario", deriva da voci del cugino del fratello dell'amico del cane di uno che ha sentito che il vicino si lamentava della pulizia delle testine? :asd:

Perché queste vocili ho solo letti su alcuni fora ma all'atto pratico sta tragedia non mi si è mai verificata.


Io sono uno di quelli che hanno sempre avuto problemi di pulizia testine e spreco di inchiostri, in 10 anni: una Canon a 6 colori, una Epson (sempre a 6), una Canon a 4 colori, tutte buttate perchè dopo un periodo di inattività non sono piu' riuscito a farle stampare senza righe. Senza contare le infinite pulizie ogni volta che la stampante stava ferma un paio di mesi e gli inchiostri svaniti anche senza usare la stampante (ma dove vanno a finire ???).
Alla fine ho preso una laser per le stampe normali e le foto le faccio stampare su carta chimica. Almeno quando mi serve una stampa accendo la stampante e stampo anche se è stata spenta 6 mesi.


La cosa curiosa è che le epson a sei colori sono con inchiostri dye (claria), il che le rendono esenti dal problema
Probabilmente le righe erano dovute da altri problemi.
Non sono meccaniche sempre affidabili, ma questo è un altro problema
Immagine
Avatar utente
Scorpio
Callaghan Prrrrrrrr !!!
 
Messaggi: 5189
Iscritto il: lun gen 19, 2009 12:45 am
 

Re: Riproponto quisito: quale stampate ink-jet fine art?

Messaggioda Gianpaolo64 » dom feb 15, 2015 10:08 pm

Scorpio ha scritto:La cosa curiosa è che le epson a sei colori sono con inchiostri dye (claria), il che le rendono esenti dal problema
Probabilmente le righe erano dovute da altri problemi.
Non sono meccaniche sempre affidabili, ma questo è un altro problema


La mia Epson era di una serie precedente, prima degli inchiostri claria, l'ultima che ho avuto è stata una Canon e risale a 4 anni fa. Quella con cui mi sono trovato meglio è stata la prima Canon, mai avuto grossi problemi con le testine, bastavano un paio di pulizie per farle tornare operative. Peccato che ad un certo punto ha iniziato a fare le famose righe nonostante le pulizie e la sostituzione delle testine, a sentire l'assistenza era un problema della meccanica, stampante da buttare.
Comunque per me laser forever.
Avatar utente
Gianpaolo64
Dito seduto
 
Messaggi: 2465
Iscritto il: ven mar 06, 2009 10:03 am
Località: Prov. di Torino
 

Re: Riproponto quisito: quale stampate ink-jet fine art?

Messaggioda Scorpio » dom feb 15, 2015 10:24 pm

Il punto è che non mi risultano epson a sei cartucce a pigmenti, ma potrei sbagliarmi, specie su modelli vecchi


Per documenti, decisamente laser, in studio sono tutte laser, non ci sono dubbi, ma parlavamo di foto :wink:
Immagine
Avatar utente
Scorpio
Callaghan Prrrrrrrr !!!
 
Messaggi: 5189
Iscritto il: lun gen 19, 2009 12:45 am
 

Re: Riproponto quisito: quale stampate ink-jet fine art?

Messaggioda Gianpaolo64 » dom feb 15, 2015 11:16 pm

Scorpio ha scritto:Il punto è che non mi risultano epson a sei cartucce a pigmenti, ma potrei sbagliarmi, specie su modelli vecchi


Era con i soliti inchiostri dye, niente pigmenti, non ricordo il modello comunque all'epoca, 6-7 anni fa, le Epson erano note per il problema dell'intasamento degli ugelli, tanto che un'altra che avevo in ufficio ha subito la stessa sorte nonostante si usasse di piu'. Comunque sono contento che siano problemi ormai risolti.
Si parlava di foto è vero ma la stampante di casa si usa anche per stampare le ricerche dei figli e altre cose genere, con la ink-jet ogni volta era un supplizio di pulizia testine e di inchiostri finiti. Con la laser la accendi e stampi.
Avatar utente
Gianpaolo64
Dito seduto
 
Messaggi: 2465
Iscritto il: ven mar 06, 2009 10:03 am
Località: Prov. di Torino
 

Re: Riproponto quisito: quale stampate ink-jet fine art?

Messaggioda xyennio » dom feb 15, 2015 11:31 pm

scorpio quindi volendo cominciare a stampare in casa tu quale stampante consiglieresti
mi pare che gli inchiostri claria risolvono il problema degli ugelli
pentax-K5, S. 10-20; P. 17-70; K135; T. 70-200 2.8; P M50 1.7; Manfrotto MT294A3 + 496RC2
Metz 52 AF1 ( D'Ettorre ); Yongnuo 460II, ammenicoli vari

Immagine

mio sito
Pentaxiani siculi
Flickr
Avatar utente
xyennio
Azionista del forum
 
Messaggi: 4795
Iscritto il: dom feb 13, 2011 5:21 pm
Località: Palermo
 

PrecedenteProssimo

Torna a Sviluppo e stampa

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite