La notte prima del primo sviluppo

Camera oscura, strumenti, proiettori, archiviazione.

Moderatori: maxofrome, Enrico, Mauro, old_kappa, Buster

Re: La notte prima del primo sviluppo

Messaggioda Nadir.76 » lun set 03, 2012 9:27 am

lenri ha scritto: forse la diluizione 1:200 per l'imbibente è da aumentare, mentre asciugava mi sembrava che lasciasse degli aloni tipo "sapone"


Non conosco l'ilford wetting agent, ma - per esempio - io uso il mirasol 2000 della Tetenal ed anche quello va diluito 1:200 (o forse di più).

Se lascia degli aloni tipo sapone è del tutto normale; infatti l'imbibente è normalmente un tensioattivo, ed anzi parecchi consigliano di sostituirlo con un paio di gocce di shampoo o sapone neutro. Da qui la schiuma. Anzi, se ne rilevi troppa (di schiuma), forse hai messo troppo imbibente, non troppo poco.

In ogni caso, Ti segnalo due o tre accortezze:

1) dopo che hai messo l'imbibente non agitare mai; sennò si formano le bolle che lamenti .... dopo che hai svuotato la tank prima di aprire la spirale, togliere la pellicola e metterla ad asciugare, "sbatti" bene la spirale più volte come se dovessi lanciarla (senza farlo ovviamente), in modo da togliere più acqua possible;

2) una volta asciutta (completamente, non farti prendere dall'impazienza) controlla i rulli guardando la pellicola in trasparenza sotto una luce e guarda se non ci fossero macchie (di calcare o altro); spesso l'acqua è troppo "dura" e l'asciugatura e/o l'imbibente non sono sufficienti; io per l'ultimo lavaggio utilizzo acqua demineralizzata o deionizzata (quella per i ferri da stiro che compri al supermercato); alcuni dicono renda la pellicola più "fragile", ma io utilizzandola ho risolto i problemi dei negativi macchiati.

3) Se puoi, per tagliare e riporre la pellicola dopo averla lasciata asciugare usa dei guanti di cotone (li vendono apposta da Western Photo, ma vanno bene anche un paio qualsiasi).

Ciao!! Ronnie
Analog:Z1P, 20/4 KM, FA 28/2.8, 50/1.4 FA, 77/1.8, 135/2.5 K / Bronica SQ-AI + Zenzanon PS 50 - 80 - 150
Digital:K5 II,12-24 DA, 16-50 DA*, 50-150/2.8 Sigma, 300/4.5 FA*, AF540FGZ

Il mio Flickr
La mia pagina di fotografia su Facebook
Nadir.76
Opinionista assiduo
 
Messaggi: 1424
Iscritto il: sab feb 16, 2008 2:09 am
 

Re: La notte prima del primo sviluppo

Messaggioda tartaglia » lun set 03, 2012 11:30 am

Qualce goccia di Baby Johnson e andare ...
Tanto a me lo shampoo avanza sempre . :sdent:
"Che cosa non darei per avere un'enorme palata di cacca di cavallo " [Woody Allen]

Critiche a i commenti e commenti alle critiche sempre graditi...
Avatar utente
tartaglia
Postofilo forsennato
 
Messaggi: 16532
Iscritto il: ven ago 29, 2008 8:04 pm
Località: Genova
 

Re: La notte prima del primo sviluppo

Messaggioda lenri » mar set 04, 2012 9:28 am

Nadir.76 ha scritto:
lenri ha scritto: forse la diluizione 1:200 per l'imbibente è da aumentare, mentre asciugava mi sembrava che lasciasse degli aloni tipo "sapone"


Non conosco l'ilford wetting agent, ma - per esempio - io uso il mirasol 2000 della Tetenal ed anche quello va diluito 1:200 (o forse di più).

Se lascia degli aloni tipo sapone è del tutto normale; infatti l'imbibente è normalmente un tensioattivo, ed anzi parecchi consigliano di sostituirlo con un paio di gocce di shampoo o sapone neutro. Da qui la schiuma. Anzi, se ne rilevi troppa (di schiuma), forse hai messo troppo imbibente, non troppo poco.

In ogni caso, Ti segnalo due o tre accortezze:

1) dopo che hai messo l'imbibente non agitare mai; sennò si formano le bolle che lamenti .... dopo che hai svuotato la tank prima di aprire la spirale, togliere la pellicola e metterla ad asciugare, "sbatti" bene la spirale più volte come se dovessi lanciarla (senza farlo ovviamente), in modo da togliere più acqua possible;

2) una volta asciutta (completamente, non farti prendere dall'impazienza) controlla i rulli guardando la pellicola in trasparenza sotto una luce e guarda se non ci fossero macchie (di calcare o altro); spesso l'acqua è troppo "dura" e l'asciugatura e/o l'imbibente non sono sufficienti; io per l'ultimo lavaggio utilizzo acqua demineralizzata o deionizzata (quella per i ferri da stiro che compri al supermercato); alcuni dicono renda la pellicola più "fragile", ma io utilizzandola ho risolto i problemi dei negativi macchiati.

3) Se puoi, per tagliare e riporre la pellicola dopo averla lasciata asciugare usa dei guanti di cotone (li vendono apposta da Western Photo, ma vanno bene anche un paio qualsiasi).

Ciao!! Ronnie


domenica sera ho sviluppato altri due rullini e il lavaggio, allungando con più acqua l'imbibente sembra essere andato meglio :-)): (laprima parte del alvaggio ho adottato il metodo ilford)
grazie ronnie per i consigli, sopratutto quello di "sbattere" i negati ancora non l'avevo letto da nessuna parte :happy2:


Invece il problema dei bordi anneriti si è presentanto ancora con il secondo rullo di fp4 ma poi ho sviluppato un fuji acros ed era perfetto.
pentax k-r (black) + 18-55mm kit + 40mm Limited + Flash Metz 48 AF-1
pentax 645nII + FA45-85mm + FA 75mm + FA 150mm

my flickr
Avatar utente
lenri
senior member
 
Messaggi: 274
Iscritto il: sab feb 05, 2011 11:30 am
 

Re: La notte prima del primo sviluppo

Messaggioda corsanero » mer set 05, 2012 2:31 pm

Io penso che i bordi anneriti siano dovuti ad una leggera infiltrazione di luce tra le spire della carta nera del rullo, quello che gli anglofoni chiamano "light leaks". A me a volte capita quando carico la macchina in piena luce.
È buona cosa prendere l'abitudine di caricare/scaricare i rulli 120 in luce molto attenuata, facendo attenzione a tenere il rotolo ben serrato, e riporre i rullini esposti nei contenitori neri per il 120 (tipo quelli della Rollei) oppure in carta stagnola.
Mi hai fatto venire in mente i miei primi sviluppi, anch'io ero attrezzatissimo e fornito di dei più disparati chimici diluiti con la precisione di un farmacista svizzero. Oggi sono convinto che alcune cose e alcuni accorgimenti sono inutili e a volte dannosi.
L'arresto e l'imbibente (per me) non servono a niente. Anche io per avere negativi perfettamente puliti seguo l'approccio di Nadir.76. Dopo un abbondante lavaggio riempio la tank di acqua demineralizzata, faccio una ventina di capovolgimenti, batto bene la spirale per liberarla dell'acqua in eccesso e stendo in un posto senza polvere e senza correnti d'aria che possano portarne. Massima attenzione all'emulsione quando è bagnata, niente deve toccarla. Mai usare tergifilm, mai usare le dita a mo' di forbice.
Ho smesso anche di essere maniaco nei confronti delle date di scadenza dei chimici. Ho scoperto che sono mooolto cautelative.
Le cose che reputo davvero importanti sono la bontà, la diluizione e la temperatura del bagno rivelatore, e naturalmente il tempo e la cura nell'agitazione.
Avatar utente
corsanero
junior member
 
Messaggi: 98
Iscritto il: dom set 19, 2010 9:07 pm
Località: Firenze
 

Re: La notte prima del primo sviluppo

Messaggioda tartaglia » mer set 05, 2012 2:41 pm

A ciascuno il suo: ho sempre usato le dita e non ho mai rigato i negativi. Vero che ho due mani che sono un bijoux . :happy2:
"Che cosa non darei per avere un'enorme palata di cacca di cavallo " [Woody Allen]

Critiche a i commenti e commenti alle critiche sempre graditi...
Avatar utente
tartaglia
Postofilo forsennato
 
Messaggi: 16532
Iscritto il: ven ago 29, 2008 8:04 pm
Località: Genova
 

Re: La notte prima del primo sviluppo

Messaggioda Zappi » mer set 05, 2012 6:04 pm

tartaglia ha scritto:A ciascuno il suo: ho sempre usato le dita e non ho mai rigato i negativi. Vero che ho due mani che sono un bijoux . :happy2:



io faccio alpinismo e arrampicata..... se passo le dita sui negativi li posso ascoltare a 45giri :rotfl: :rotfl:
Flickr
"Usate il vostro il cervello, è la parte più importante della vostra attrezzatura" (Kevin Andrews e Warren Miller)
Avatar utente
Zappi
senior member
 
Messaggi: 423
Iscritto il: mer ott 05, 2011 10:22 am
Località: Torino... o da qualche parte sulle alpi
 

Re: La notte prima del primo sviluppo

Messaggioda RobiK » ven ott 05, 2012 4:15 pm

Io ci ho passato sopra le dita (a mo di forbice) ... sta volta mi è andata bene, ma non lo farò più!! Comunque devo avere le dita delicate! :rotfl:
Pentax K7 - Pentax K1000 - 8 - 18/55 - 28 - 35 - 50 - 135 - 120/400
Mamiya 645 1000S - Mamiya 645 Super - 55 - 80 - 150

PentaxPhotoGallery
Le mie Foto
"il cibo è la parte commestibile di ogni società"
Avatar utente
RobiK
Postofilo forsennato
 
Messaggi: 693
Iscritto il: mar giu 15, 2010 2:38 pm
Località: Monza e Brianza
 

Precedente

Torna a Sviluppo e stampa

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite