Switch to full style
Camera oscura, strumenti, proiettori, archiviazione.
Rispondi al messaggio

Il piccolo chimico

gio ott 19, 2017 12:44 pm

Salve,
come da titolo oggi parliamo di quell'argomento tanto caro a molti che è il caro vecchio FAI DA TE.
Ma attenzione non quello a cui penseranno molti malpensanti :nono: ( :nerdmast: ) i quali possono tornare a sfogliare i cataloghi nikon e canon. Parliamo di quello relativo al magico mondo dei chimici fotografici.
E già perchè pare che tanti si cimentino nella cosa ed il sottoscritto, vuoi per curiosità e vuoi per esigenze di tipo pratico, vorrebbe approfondire. A tal proposito ho trovato ed ordinato il Fotoricettario di Oscar Ghedina che, oltre essere un tomo essenziale per la camera oscura, contiene al suo interno alcune tra le più usate e diffuse ricette per le pozioni chimiche necessarie a compiere la magia della rivelazione fotografica. Intanto ho trovato il seguente LINK il quale riporta alcune ricette per il suddeto fai-da-te.
Naturalmente le mie nozioni (wikipediane) di chimica si fermano alla semplice etimologia della parola chimica che pare derivi dall'arabo "al-khīmiyya", a sua volta derivazione della parola egizia "al-Kemi" che significa arte egizia. :studeo:
Qualcuno si è mai cimentato nella cosa?
È fattibile?
Di che strumentazioni bisognerebbe dotarsi?
A voi gli alambicchi!
:cincin:

Re: Il piccolo chimico

gio ott 19, 2017 1:17 pm

ma intendi stendere il materiale sensibile sul supporto o solo sviluppare?
mi pare di ricordare che tartaglia (forse) aveva postato foto ottenute stendendo una porcheria chimica su un foglio, ed esponendole al sole.
ma oltre non ricordo

Re: Il piccolo chimico

gio ott 19, 2017 1:27 pm

fanagot ha scritto:ma intendi stendere il materiale sensibile sul supporto o solo sviluppare?
mi pare di ricordare che tartaglia (forse) aveva postato foto ottenute stendendo una porcheria chimica su un foglio, ed esponendole al sole.
ma oltre non ricordo
Ricordo anche io quel post. Aveva realizzato sia la carta che le emulsioni. Ma solo la carta appunto.
Io per ora non vorrei arrivare a tanto ma mi basterebbe capire come e se è fattibile realizzare i chimici di sviluppo e fissaggio per carte e pellicole in casa partendo dai chimici di base.
Dal cosa nasce dal fatto che ho notato come molti shop di CO vendono anche i singoli chimici e potrebbe essere interessante per uno come me che non stampa con frequenza costante ma quando-gli-garba e spesso con intervalli di tempo tra una sessione e l'altra molto molto variabili.
Comprare ogni volta i chimici per poi rischiare di dover buttare le rimanenze scadute (come il fix che ho riaperto ieri sera) è non solo uno spreco di denaro ma anche un inutile forma di inquinamento, ritengo. Magari, pensavo, il cimicho di base ha scadenza più prolungata e potrei di volta in volta realizzare le quantità necessarie senza sprechi ed inutili smaltimenti.
Ma magari dico boiate, per cui la mia domanda.

Re: Il piccolo chimico

gio ott 19, 2017 1:44 pm

cimicho e' spettacolare :asd:

comunque non ne ho idea.
io non stampo piu' nulla da 20 anni, forse piu' :cincin:
non stampo nulla chimicamente in casa, intendo.

Re: Il piccolo chimico

gio ott 19, 2017 1:46 pm

fanagot ha scritto:cimicho e' spettacolare :asd:

comunque non ne ho idea.
io non stampo piu' nulla da 20 anni, forse piu' :cincin:
non stampo nulla chimicamente in casa, intendo.
Maledette tastiere degli smartphone! :D

Re: Il piccolo chimico

gio ott 19, 2017 2:18 pm

Leggendo il titolo mi aspettavo di leggere... ... ... :bomb: qualche esperimento tipo miscuglio di iodio con amoniaca ... :asd: :devilinside:

Re: Il piccolo chimico

gio ott 19, 2017 4:12 pm

elerum ha scritto:Leggendo il titolo mi aspettavo di leggere... ... ... :bomb: qualche esperimento tipo miscuglio di iodio con amoniaca ... :asd: :devilinside:


Gli unici esperimenti dove mi piace mischiare sostanze sono quelli che necessitano di fuoco e...padelle! :sdm:

Re: Il piccolo chimico

mer gen 30, 2019 12:41 pm

il problema è trovare l'idrochinone e il metolo poi anche fare il bagno di sviluppo in casa è possibile ,per il fissaggio non ci sono problemi si trovano i chimici anche su internet.i due agenti per lo sviluppo invece oltre ad avere una scadenza in quanto si ossidano facilmente non saprei dove trovarli.

Re: Il piccolo chimico

mer gen 30, 2019 4:49 pm

Supernaut ha scritto:
elerum ha scritto:Leggendo il titolo mi aspettavo di leggere... ... ... :bomb: qualche esperimento tipo miscuglio di iodio con amoniaca ... :asd: :devilinside:


Gli unici esperimenti dove mi piace mischiare sostanze sono quelli che necessitano di fuoco e...padelle! :sdm:


tipo gettare acqua sull'olio bollente?

Re: Il piccolo chimico

lun feb 04, 2019 10:53 pm

:devil115: :asd:

Re: Il piccolo chimico

dom feb 10, 2019 7:55 am

Scusami, mi è sfuggito il post.
Premesso che è fattibile: io ho ancora, da qualche parte, componenti per realizzare gli sviluppi della Ornano, secondo me non ti conviene.
In passato l'ho fatto: funziona tutto, ma il tempo che perdi per realizzare una cosa che, acqustata, costa veramente poco, non è ben speso.
Piuttosto, decidi quale sviluppo per carte e pellicola utilizzare, poi acquista i kit in polvere già fatti: non scadono praticamente mai, e, facendo semplici calcoli, puoi utilizzare anche le mezze dosi, per pochi rullini. Io ho ancora un rotolo da 30 m di FP4 del 1995, ma non mi decido mai a bobinarla. Sarebbe ora, credo.

Re: Il piccolo chimico

sab feb 16, 2019 9:39 am

inge26665 ha scritto:Scusami, mi è sfuggito il post.
Premesso che è fattibile: io ho ancora, da qualche parte, componenti per realizzare gli sviluppi della Ornano, secondo me non ti conviene.
In passato l'ho fatto: funziona tutto, ma il tempo che perdi per realizzare una cosa che, acqustata, costa veramente poco, non è ben speso.
Piuttosto, decidi quale sviluppo per carte e pellicola utilizzare, poi acquista i kit in polvere già fatti: non scadono praticamente mai, e, facendo semplici calcoli, puoi utilizzare anche le mezze dosi, per pochi rullini. Io ho ancora un rotolo da 30 m di FP4 del 1995, ma non mi decido mai a bobinarla. Sarebbe ora, credo.


Grazie della risposta.
In effetti ho poi abbandonato l'idea.
:cincin:
Rispondi al messaggio


Site Copyright © 2008 - Pentaxiani.it
Tutti i contenuti qui presenti, siano grafici o testuali, sono sotto copyright e responsabilità esclusiva dei loro creatori. Pentax è un marchio registrato della Ricoh Imaging Company ltd. Pentaxiani.it non è in nessun modo associato con Pentax, Ricoh Company, Fowa S.p.A. o loro affiliati nazionali o internazionali.