ubuntu , wine e ppl 3.61/4

Tutto ciò che riguarda il pinguino

Moderatori: maxofrome, Enrico, Mauro, old_kappa, Buster

Re: ubuntu , wine e ppl 3.61/4

Messaggioda magma » mer mag 19, 2010 7:54 am

bomberosub ha scritto:Ciao raga,
ho prestato un pò più attenzione: la vers. di ubuntu attualmente in uso è la 10.04 , il browser di pentax non funziona mentre il ppl 3.51 funziona ma le foto vengono visualizzate con una striscia laterale e le modifiche come i crop non vengono visualizzate , poi nella foto salvata è tutto giusto ,
[...]


La striscia laterale scompare installando l'aggiornamento del software Pentax
Mario

FLP - pellicole scadute, c'è più gusto
la mia galleria Pentaxiani.it
foto Flickr
Avatar utente
magma
Azionista del forum
 
Messaggi: 2778
Iscritto il: mer mar 05, 2008 1:56 pm
Località: prov. Pavia
 

Re: ubuntu , wine e ppl 3.61/4

Messaggioda ntx » gio mag 20, 2010 8:37 am

@bomberosub: Ho la netta impressione che i problemi si risolverebbero usando una versione a 32 bit di WINE. In questa pagina e' spiegato come ottenere un WINE a 32 bit su una distribuzione a 64 bit (dovrai ricompilare ma, almeno, alla fine ottieni un pacchetto .deb ... che e' gia' una gran cosa).

Io ti suggerisco di non mettere in piedi macchine virtuali con Windows o di farti un dual-boot. Il primo motivo e' la necessita' di avere una licenza di Windows (non importa se la macchina e' virtuale o no, la licenza di Windows tratta tutto allo stesso modo); il secondo e' la disponibilita' di software per lo sviluppo dei RAW che ti permettono di portare avanti i tuoi sviluppi in attesa di mettere in piedi il WINE e Pentax Photo Laboratory.
In particolare, per i gestori di RAW, ti consiglio - malgrado lo sbattimento che vorra' per la compilazione - di scaricare la versione in sviluppo di RawTherapee (e' una versione successiva alla 3.0 alpha 1)... sta diventando un gran bel software!

Se devi tenere installato Windows (in macchina virtuale o su dual boot) perche' non affronti gli intoppi che ti capitano in Linux (e questo e' solo il primo...) allora togli proprio Linux e resta su Windows. E' una semplice questione logistica: se hai un po' di strumenti su un sistema e un po' di altri su un'altro sistema, uno dei due sistemi e' di troppo: e' come se un meccanico dovesse cambiare officina a seconda se deve cambiare le pastiglie dei freni anteriori o di quelli posteriori.
Se vuoi passare a Linux, quindi, passaci sul serio e smazzati i problemi (poi nei limiti delle mie capacita' sono sempre disponibile a darti una mano).

Ciao
Jenner
ntx
Tetratricoctomo
 
Messaggi: 14385
Iscritto il: gio mag 07, 2009 7:55 am
Località: Bassa romagnola
 

Re: ubuntu , wine e ppl 3.61/4

Messaggioda bomberosub » mar giu 08, 2010 8:35 pm

Ciao a tutti e scusate l'assenza,
grazie per i consigli , come avrete capito sono un utilizzatore neofita di ubuntu, :ops:
mi sa che è meglio cominciare a guardare i software per i raw perchè la parola compilare per me ha un significato ignoto :sdent: , almeno per ora, conoscevo abbastanza il "dos" ma ora non serve più a niente!!!
Per ora lascio il dual boot (qualcosa di qua e qualcos'altro di là, meglio non combinare cas...!!!) con ubuntu 10.04 64 bit e win... 32 bit (mi han venduto un quad core con una licenza 32 bit :miii: )
Ah, una curiosità?!!! da ign......
ma quali vantaggi pratici (apprezzabili) comporta avere una versione 64 bit anziché una 32 bit?
Ciao e grazie ancora.
A presto
un pò di pentax...
Avatar utente
bomberosub
senior member
 
Messaggi: 192
Iscritto il: mer mar 04, 2009 12:46 am
 

Re: ubuntu , wine e ppl 3.61/4

Messaggioda ntx » mer giu 09, 2010 2:49 pm

bomberosub ha scritto:mi sa che è meglio cominciare a guardare i software per i raw perchè la parola compilare per me ha un significato ignoto :sdent: , almeno per ora, conoscevo abbastanza il "dos" ma ora non serve più a niente!!!


La difficolta' piu' grande del compilare un software su Linux e' leggere... per il resto si fa ne piu' e ne meno quello che le istruzioni ti dicono di fare, come un brava scimmietta ammaestrata.
A grandi linee una compilazione comporta 3 fasi distinte:
1) configurazione
2) compilazione
3) installazione come pacchetto di sistema

Le fasi 1 e 3 potrebbero, in certi casi, non esserci o essere superflue. La 2, per forza di cose, c'e' sempre.

La fase 1, configurazione, e' il lancio di uno script che verifica che non manchi nulla per la corretta compilazione dei sorgenti. Questa fase consiste nel lanciare il comando ./configure da terminale mentre sei nella directory dove hai scompattato i sorgenti. Lo script scrivera' cose tipo "questo c'e' ... questo c'e' ... questo c'e'" e se manca qualcosa scrive "quest'altro non c'e'" e si ferma. Tu cerchi quindi "quest'altro", lo installi e rilanci lo script fino a che non c'e' tutto quello che vuole.

La fase 2, compilazione, consiste nel lanciare il comando make da terminale mentre sei nella directory dove hai scompattato i sorgenti. Se non va a buon fine, nel 98% dei casi puoi cancellare tutto perche' difficilmente si ha tempo/voglia/competenze/pazienza di investigare l'errore.

La fase 3, installazione come pacchetto di sistema, consiste nel installare quanto compilato nelle directory di sistema (tipicamente /usr/local ). Non e' obbligatorio, tanti (quasi tutti) software funzionano direttamente dalla directory di compilazione... solo che se vuoi tenere una sorta di pulizia nelle directory non e' male farlo. Il tutto consiste nel lanciare il comando make install da terminale mentre sei root nella directory dove hai scompattato i sorgenti. Questa operazione non fa altro che copiare i file compilati nel posto giusto perche' tutto funzioni correttamente.

Compilare un pacchetto, come vedi, e' cosa assai banale. Fino a che non sei in fase 3 non c'e' praticamente modo di fare qualche danno... e anche in fase 3 - quando si sanno quelle quattro cose che fa il make install - se va qualcosa storto non c'e' da preoccuparsi.

Ti dico tutto questo perche' invece dovresti approfondire la possibilita' di compilarti il software. Chiuderesti la porta ad un numero sconfinato di possibilita'... non ultima quella di poter gia' usare RawTherapee aggiornato, ovvero il software per Linux il cui sviluppo dei RAW piu' si avvicina a quello di Pentax Photo Laboratory.

bomberosub ha scritto:ma quali vantaggi pratici (apprezzabili) comporta avere una versione 64 bit anziché una 32 bit?


L'unico vero e tangibile vantaggio e' la possibilita' di indirizzare (=supportare) piu' di 4GB di RAM... e non e' una cosa da poco!

Ciao
Jenner
ntx
Tetratricoctomo
 
Messaggi: 14385
Iscritto il: gio mag 07, 2009 7:55 am
Località: Bassa romagnola
 

Re: ubuntu , wine e ppl 3.61/4

Messaggioda bomberosub » sab ago 21, 2010 9:42 pm

Ciao ntx,
scusa ma non avevo visto la risposta,
sono stato assente per un po'
credo che più avanti comincerò a provare cio che hai consigliato.
mille grazie
un pò di pentax...
Avatar utente
bomberosub
senior member
 
Messaggi: 192
Iscritto il: mer mar 04, 2009 12:46 am
 

Re: ubuntu , wine e ppl 3.61/4

Messaggioda Martino » lun set 06, 2010 3:36 am

Se hai intenzione di cimentarti seriamente con Wine ti consiglio PlayOnLinux, è una comoda interfaccia che ti consente di gestire le tue applicazioni windows (per esempio potrebbero servirti contemporaneamente versioni diverse di wine o conf diverse di wine).

Un'ottima risorsa per le applicazioni è anche il sito stesso di wine: http://appdb.winehq.org
Nella sezione graphic editing c'è una pagina dedicata al software pentax: http://appdb.winehq.org/objectManager.php?sClass=application&iId=10693
Per ora sono recensite solo le versioni 3.xx, si parla della 4 nel forum, è data come non funzionante ma l'ultimo post che ho trovato è di 1 anno fa.
Se trovate il modo di farla girare... comunicatelo al mondo! :D
Quando sarò a casa e avrò il cd pentax proverò anche io.
My FlickR
SLRs: K1000, SF7, MZ-5n, K-30
Pentax: smc M 40 f/2.8 50 f/2, smc A 28 f/2.8 50 f/1.7 28-135/4, smc DA 18-55 WR, smc DA 18-135 WR
Tamron Adaptall-2: SP 90 f/2.5 Macro + ET, 2x TC, 135 f/2.5, 200 f/3.5, 70-210/3.5, P/KA ring
Avatar utente
Martino
Postofilo forsennato
 
Messaggi: 978
Iscritto il: mer set 01, 2010 4:09 am
Località: Vercelli (VC)
 

Precedente

Torna a Linux ®

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite