Iuppiter Iovis

Storia, collezionismo e curiosità del mondo Pentax e della fotografia in generale.

Moderatori: maxofrome, Enrico, Mauro, old_kappa, Buster

Re: Iuppiter Iovis

Messaggioda Alberto S » gio dic 04, 2008 10:07 pm

Valerio, cari amici,
quello che mi chiedo e mi rode e non da ora. Ricorderà qualcuno le mie accanite difese della realizzazione di ottima qualità e luminosità onesta/utile sul forum Pentax. Penso sia poco valido per il fotoamatore evoluto (si dice così?) o per il professionista serio pagare migliaia di euro per un 1.2/1.4 per dire "se io volessi potrei scattare a lume di candela di una notte di buio pesto" e poi non farlo mai se non per gioco. Se serve bene. Foto a teatro... Se non serve, come al 99.999/100 dei fotografi, va molto meglio un vetro f 2.8 (si capisce ben fatto e non "ciofeca") che costa un terzo/quinto del precedente e, ripeto, se fatto con i controc...... va sicuramente, assolutamente sicuramente meglio del superluminoso. Poi è interesse commerciale delle case, vezzo del "fotografo" avere degli 85/1.4 o 0,00001 supercostosi per poterli utilizzare decentemente ad F4. Con questo non voglio dire che tutti i superluminosi sono delle "sole", voglio semplicemente dire che spesso sono soldi buttati. Se facessero un f 2.8 che costa solo la metà di un f 1.4 andrebbe di certo meglio. Ci sono alcuni casi, pochi, purtroppo pochi.Oggi vedi 70/2.4 che se non fosse Limited costerebbe anche meno e va da paura! La moda impone i superluminosi che, ripeto, hanno logica solo in teatro/concerti, caccia fotografica o sport. Nun ho mai fatto un ritratto ad 1.4, se vede la punta der naso ma l'occhi so fori foco! :ninja1:
http://www.albertosarandrea.beepworld.it
Faites comme si je n'étais pas là
Avatar utente
Alberto S
Postofilo forsennato
 
Messaggi: 947
Iscritto il: gio mar 13, 2008 8:15 pm
Località: Roma e Lazio
 

Re: Iuppiter Iovis

Messaggioda oizirbaf » ven dic 05, 2008 1:35 pm

una modestissima quantitá di wd-40 o prodotto omologo


Cosa è il wd-40 :?: Avrei lo svitol oppure del lubrificante per contatti (forse è proprio wd-40? Devo controllare) lo svitol mi sembra che potrebbe andare. Il caccolone di grasso di bue muschiato siberiano non saprei dire se è secco. Avevo pensato di smuoverlo dal bordo dove, suppongo il movimento dell' elicoide, lo ha fatto depositare con uno stecchino facendolo precipitare verso l'interno nella speranza che l'elicoide provveda a spianarlo tra le proprie spire. Potrei provare a colare una goccia di svitol sotto il bordo della ghiera del diaframma ed altrettanto sotto il bordo di quella di messa a fuoco. Pensate possa finire tra le lenti in questo modo?

Scaldalo con un asciugacapelli ...


Ho provato a lasciarlo qualche decina di minuti sul termosifone, nella speranza che il grasso di yak sciogliesse ma senza risultati.
Avatar utente
oizirbaf
Dito seduto
 
Messaggi: 2177
Iscritto il: lun apr 07, 2008 1:35 pm
Località: Roma
 

Re: Iuppiter Iovis

Messaggioda california » ven dic 05, 2008 1:48 pm

oizirbaf ha scritto:
una modestissima quantitá di wd-40 o prodotto omologo


Cosa è il wd-40 :?: Avrei lo svitol oppure del lubrificante per contatti (forse è proprio wd-40? Devo controllare) lo svitol mi sembra che potrebbe andare. Il caccolone di grasso di bue muschiato siberiano non saprei dire se è secco. Avevo pensato di smuoverlo dal bordo dove, suppongo il movimento dell' elicoide, lo ha fatto depositare con uno stecchino facendolo precipitare verso l'interno nella speranza che l'elicoide provveda a spianarlo tra le proprie spire. Potrei provare a colare una goccia di svitol sotto il bordo della ghiera del diaframma ed altrettanto sotto il bordo di quella di messa a fuoco. Pensate possa finire tra le lenti in questo modo?

Il wd-40 é uno di quegli spray un pó tuttofare, sblocca, lubrifica, deterge, espelle l'umiditá e toglie calli e duroni :lol:
Lo spray per contatti non é la stessa cosa, men che meno se é del tipo secco.
Lo svitol dovrebbe andare piú o meno bene, credo siano prodotti molto simili nella formulazione e nell'uso.
Io ho sempre usato il wd-40 e mi ci son trovato bene, dalla moto alla bicicletta alle macchine fotografiche e obiettivi. Lo trovi dal ferramenta, al brico, spesso anche al supermercato scaffale faidaté.
Ho provato anch'io talvolta a scaldare degli obiettivi duri, ma senza risultati o con risultati solo temporanei. Il grasso invecchiato credo subisca un indurimento a causa di trasformazioni chimico-fisiche che il calore non riesce a far regredire.
Se metti il lubrificante dove hai detto, in modicissima quantitá, non andrá tra le lenti, non temere. Mettine anche all'interno dell'elicoide, dove hai visto il pettolotto di sugna, dopo aver regolato la messa a fuoco alla minima distanza.
Ciao
Davide
Spotmatic e altre cose.

"Il rumore e' un difetto digitale, la grana e' un pregio analogico." (Roberto B)
Avatar utente
california
Azionista del forum
 
Messaggi: 2806
Iscritto il: mer feb 13, 2008 7:04 pm
Località: Milano - Padova
 

Re: Iuppiter Iovis

Messaggioda tartaglia » ven dic 05, 2008 7:10 pm

Magari non e' grasso, ma un'enorme caccola di un compagno tecnico. :roflrofl: :roflrofl:
"Che cosa non darei per avere un'enorme palata di cacca di cavallo " [Woody Allen]

Critiche a i commenti e commenti alle critiche sempre graditi...
Avatar utente
tartaglia
Postofilo forsennato
 
Messaggi: 16532
Iscritto il: ven ago 29, 2008 8:04 pm
Località: Genova
 

Re: Iuppiter Iovis

Messaggioda oizirbaf » ven gen 09, 2009 2:35 pm

Adolf Hitler decise di affidare "l'immagine" delle Olimpiadi, le scenografie, la regia dei filmati ecc ecc alla giovane Leni Riefenstahl


Nei giorni scorsi girellando in centro ho acquistato, per 10 Neuri, sulla bancarella di libri di fronte a San Carlo ai catinari il catalogo di una mostra dedicata a Leni Riefenstahl tenutasi diversi anni addietro. Dieci Neuri ben spesi. Anche se il catalogo offre molto riguardo i suoi lavori fotografici in Africa ed in immersione e meno, pur effettuando una panoramica completa, riguardo i suoi lavori degli anni '30.

La copertina la ritrae, giovane regista, alla macchina da presa ed era davvero una bella donna.

Mettine anche all'interno dell'elicoide, dove hai visto il pettolotto di sugna, dopo aver regolato la messa a fuoco alla minima distanza.


Ho poi utilizzato lo Svitol, con molta cautela ed aggiungendone a distanza di giorni qualche goccia, nel modo consigliato da California. Non è andato tra le lenti, la messa a fuoco è divenuta dolcissima. Facendone penetrare qualche goccia all'interno della ghiera del diaframma con la speranza di raggiungerne il meccanismo di azionamento si è egualmente avuto un netto miglioramento della durezza del diaframma che è ora accettabile.

La scorsa domenica, dopo almeno 15 anni, son tornato a Porta Portese, un unica bancarella con tre personaggi (zona P.zza I. Nievo via Parboni) aveva materiale fotografico e qui ho pescato uno Jupiter 11 200 mm f 4 con tanto di custodia in pelle di yak sintetico, ho così arricchito la dotazione di obiettivi dell'est. Inizialmente ne chiedevano 80 Neuri tirando un pò alla fine l'ho portato via con 50 e son convinto che me lo avrebbero lasciato anche peri 40 che avevo offerto inizialmente. Anche in questo caso quanche gocciolina di Svitol ha reso nuovamente vispa la meccanica da T34 di questo peso massimo, che ora son curioso di provare. Certo pesa talmente che riuscire a tenere l'inquadratura accettabilmente ferma a mano libera mi è impossibile. A questo riguardo il confronto con il Pentax M di pari luminosità e focale è impietoso e penso lo sarà anche dal punto di vista ottico.
Avatar utente
oizirbaf
Dito seduto
 
Messaggi: 2177
Iscritto il: lun apr 07, 2008 1:35 pm
Località: Roma
 

Re: Iuppiter Iovis

Messaggioda california » ven gen 09, 2009 3:57 pm

oizirbaf ha scritto:
Adolf Hitler decise di affidare "l'immagine" delle Olimpiadi, le scenografie, la regia dei filmati ecc ecc alla giovane Leni Riefenstahl


Nei giorni scorsi girellando in centro ho acquistato, per 10 Neuri, sulla bancarella di libri di fronte a San Carlo ai catinari il catalogo di una mostra dedicata a Leni Riefenstahl tenutasi diversi anni addietro. Dieci Neuri ben spesi. Anche se il catalogo offre molto riguardo i suoi lavori fotografici in Africa ed in immersione e meno, pur effettuando una panoramica completa, riguardo i suoi lavori degli anni '30.

La copertina la ritrae, giovane regista, alla macchina da presa ed era davvero una bella donna.

Mettine anche all'interno dell'elicoide, dove hai visto il pettolotto di sugna, dopo aver regolato la messa a fuoco alla minima distanza.


Ho poi utilizzato lo Svitol, con molta cautela ed aggiungendone a distanza di giorni qualche goccia, nel modo consigliato da California. Non è andato tra le lenti, la messa a fuoco è divenuta dolcissima. Facendone penetrare qualche goccia all'interno della ghiera del diaframma con la speranza di raggiungerne il meccanismo di azionamento si è egualmente avuto un netto miglioramento della durezza del diaframma che è ora accettabile.

La scorsa domenica, dopo almeno 15 anni, son tornato a Porta Portese, un unica bancarella con tre personaggi (zona P.zza I. Nievo via Parboni) aveva materiale fotografico e qui ho pescato uno Jupiter 11 200 mm f 4 con tanto di custodia in pelle di yak sintetico, ho così arricchito la dotazione di obiettivi dell'est. Inizialmente ne chiedevano 80 Neuri tirando un pò alla fine l'ho portato via con 50 e son convinto che me lo avrebbero lasciato anche peri 40 che avevo offerto inizialmente. Anche in questo caso quanche gocciolina di Svitol ha reso nuovamente vispa la meccanica da T34 di questo peso massimo, che ora son curioso di provare. Certo pesa talmente che riuscire a tenere l'inquadratura accettabilmente ferma a mano libera mi è impossibile. A questo riguardo il confronto con il Pentax M di pari luminosità e focale è impietoso e penso lo sarà anche dal punto di vista ottico.

Bene per lo Jupiter-9, felice di averti potuto aiutare.
Per quanto riguarda il nuovo acquisto, non mi torna la sigla. Se é uno Jupiter-11, é un 135/4. Se invece é un 200/4 dovrebbe essere uno Jupiter-21.
In quest'ultimo caso, non aspettarti grandi cose, é una lente onesta e nulla piú. Almeno il mio esemplare, sai come va con le ottiche russe, ce n'é di ottime e di pessime fabbricate lo stesso giorno dallo stesso operaio, a seconda che le abbia montate prima o dopo il vodka-break... :lol:
Davide
Spotmatic e altre cose.

"Il rumore e' un difetto digitale, la grana e' un pregio analogico." (Roberto B)
Avatar utente
california
Azionista del forum
 
Messaggi: 2806
Iscritto il: mer feb 13, 2008 7:04 pm
Località: Milano - Padova
 

Re: Iuppiter Iovis

Messaggioda Valerio Ricciardi » mar gen 13, 2009 5:56 pm

california ha scritto:
oizirbaf ha scritto: La scorsa domenica, dopo almeno 15 anni, son tornato a Porta Portese, un unica bancarella con tre personaggi (zona P.zza I. Nievo via Parboni) aveva materiale fotografico e qui ho pescato uno Jupiter 11 200 mm f 4 con tanto di custodia in pelle di yak sintetico, ho così arricchito la dotazione di obiettivi dell'est. Inizialmente ne chiedevano 80 Neuri tirando un pò alla fine l'ho portato via con 50 e son convinto che me lo avrebbero lasciato anche peri 40 che avevo offerto inizialmente. Anche in questo caso quanche gocciolina di Svitol ha reso nuovamente vispa la meccanica da T34 di questo peso massimo, che ora son curioso di provare. Certo pesa talmente che riuscire a tenere l'inquadratura accettabilmente ferma a mano libera mi è impossibile. A questo riguardo il confronto con il Pentax M di pari luminosità e focale è impietoso e penso lo sarà anche dal punto di vista ottico.

Bene per lo Jupiter-9, felice di averti potuto aiutare.
Per quanto riguarda il nuovo acquisto, non mi torna la sigla. Se é uno Jupiter-11, é un 135/4. Se invece é un 200/4 dovrebbe essere uno Jupiter-21.
In quest'ultimo caso, non aspettarti grandi cose, é una lente onesta e nulla piú. Almeno il mio esemplare, sai come va con le ottiche russe, ce n'é di ottime e di pessime fabbricate lo stesso giorno dallo stesso operaio, a seconda che le abbia montate prima o dopo il vodka-break... :lol:


Quoto anch'io, il 200/4 (io ricordo anche un Telemar-22, possibile?) è un obiettivo decente, nulla di più. Il Pentax M (che peraltro non brilla) è superiore, se non altro come resa nel controluce e flare, anche se non ha una risolvenza assai elevata (in compenso molto uniforme).
In casa Pentax se vuoi incisività, ci vuole l'SMC Pentax-K 200/4, un obiettivo veramente incisivo, laddove il suddetto cessa di sembrare incisivo se paragonato all'impressionante SMC Pentax-A 200/4 Macro.
Porta Portese, semplicemente, è finita come fenomeno commerciale per quel che concerne le macchine fotografiche (non parliamo poi di quelle russe).
C'è rimasto Gianni Gobbi, che in realtà "fa presenza" giusto per non "perdere la posizione", ed ha ancora un po' di materiale buono, che non porta più a Porta appunto.
Valerio Ricciardi
dottor Divago
 
Messaggi: 13293
Iscritto il: mer feb 20, 2008 1:23 pm
 

Re: Iuppiter Iovis

Messaggioda california » mar gen 13, 2009 6:31 pm

Valerio Ricciardi ha scritto:... io ricordo anche un Telemar-22, possibile? ...

Possibile e corretto.
Solo che il Telemar-22 é un 200/5,6 anziché un /4, inoltre ha il diaframma a preselezione anziché automatico. E' un'ottica oggi molto rara, ricercata solo dai collezionisti.
Ne ho uno. Ma non l'ho mai nemmeno montato su una macchina... :oops:
Davide
Spotmatic e altre cose.

"Il rumore e' un difetto digitale, la grana e' un pregio analogico." (Roberto B)
Avatar utente
california
Azionista del forum
 
Messaggi: 2806
Iscritto il: mer feb 13, 2008 7:04 pm
Località: Milano - Padova
 

Re: Iuppiter Iovis

Messaggioda oizirbaf » mer gen 14, 2009 11:28 am

:smilepace: Avete ragione: Jupiter 21 è. Debbo dire che del 200/4 M ho sempre letto bene, lo ho da più di venti anni e ne sono sempre stato soddisfatto. Non ho però difficoltà a credere che il corrispondente modello serie K fosse migliore. Ma la serie K è famosa per la qualità.
Avatar utente
oizirbaf
Dito seduto
 
Messaggi: 2177
Iscritto il: lun apr 07, 2008 1:35 pm
Località: Roma
 

Re: Iuppiter Iovis

Messaggioda Valerio Ricciardi » gio gen 15, 2009 3:42 pm

oizirbaf ha scritto::smilepace: Avete ragione: Jupiter 21 è. Debbo dire che del 200/4 M ho sempre letto bene, lo ho da più di venti anni e ne sono sempre stato soddisfatto. Non ho però difficoltà a credere che il corrispondente modello serie K fosse migliore. Ma la serie K è famosa per la qualità.

Non è che fosse un cattivo obiettivo, di buono aveva senz'altro una resa molto uniforme dal centro ai bordi, solo non molto risolvente soprattutto se paragonato al più pesante e ingombrante (es. filtri da 58 invece che da 52) omologo K.

Io lo provai attratto dalla sua leggerezza e compattezza (se su ogni obiettivo avessi potuto risparmiare anche solo un etto, la mia schiena se ne sarebbe ben accorta). Ma il confronto col K era impietoso.

Insomma, un ottimo obiettivo da ritratto, meno per mosaici e capitelli corinzi finemente lavorati. Tutto qua. Il mio non era un ostracismo (e sì che di obiettivi vergognosi ne ho ben visti in vita mia).

E mi risulta anche che il suo assai simile serie A, altrettanto compatto, a ben vedere avesse lo schema ottico interamente ridisegnato. Una ragione ci sarà.
Valerio Ricciardi
dottor Divago
 
Messaggi: 13293
Iscritto il: mer feb 20, 2008 1:23 pm
 

Re: Iuppiter Iovis

Messaggioda pentaxmania » gio feb 12, 2009 2:25 pm

cioa a tutti, sono un nuovo iscritto, e vedo con piacere che oltre a quelli che non sanno caricare una macchina a pellicola vi sono anche molti di voi che possiedono una notevole cultura. (Sicuramente superiore alla mia.)
Con quanto scritto sopra mi avete fatto venire voglia :brillo: di fare foto con i vari jupiter 9 e jupiter 11.
Possiedo n. 2 pezzi jupiter 9 (vite telemetro 39x1 + baionetta contax), condizioni pari al nuovo e mai usati.
Ho anche n. 3 jupiter 11 (39x1 telemetro - 39x1 reflex - baionetta contax) + due obiettivi (baionetta contax + baionetta exakta) degli anni 50 sonnar zeiss jena 135-4 che in è in pratica sono i progenitori dei vari jupiter 11.
Conoscete anche voi la malattia : li guardi, li ammiri, ci godi un pò e poi li rimetti via. :brillo:
Un giorno di questi devo lasciare a casa mamma pentax e i suoi cuccioli (M 85-2 + 135 M ; K 2,5 ; K 3,5 ) ed uscire con una delle zenit senza esposimetro che possiedo ; mi porterei in questo caso l' esposimetro a mano che non uso da anni (cioè da quando ci sono i figli).
Ultimamente devo dire che più che fotografare faccio il collezzionista ....
Anche per me gli obiettivi non servono solo per fare fotografie !
Per i vetri russi nei libretti di istruzione viene scritta la risoluzione, ma attenzione sono riferiti a standard di misura urss ; quindi se misurati con standard occidentali darebbero risultati migliori.
Ultima modifica di pentaxmania il ven feb 13, 2009 9:24 am, modificato 1 volta in totale.
K20 D + obiettivi pentax vari ( LX + MX + Super A + Program A + A3 + SFX + SFXn + SP 1000 + SP II + ME + ME super , MV1 + P30 + P50 + S1a +...........)
Avatar utente
pentaxmania
Dito seduto
 
Messaggi: 1597
Iscritto il: mer feb 11, 2009 2:23 pm
Località: Prov. VA
 

Re: Iuppiter Iovis

Messaggioda california » gio feb 12, 2009 3:10 pm

pentaxmania ha scritto:cioa a tutti, sono un nuovo iscritto, e vedo con piacere che oltre a quelli che non sanno caricare una macchina a pellicola vi sono anche molti di voi che possiedono una notevole cultura. (Sicuramente superiore alla mia.)
Con quanto scritto sopra mi avete fatto venire voglia :brillo: di fare foto con i vari jupiter 9 e jupiter 11.
Possiedo n. 2 pezzi jupiter 9 (vite telemetro 39x1 + baionetta contax), condizioni pari al nuovo e mai usati.
Ho anche n. 3 jupiter 11 (39x1 telemetro - 39x1 reflex - baionetta contax) + due obiettivi (baionetta contax + baionetta exakta) degli anni 50 sonnar zeiss jena 135-4 che in è in pratica sono i progenitori dei vari jupiter 11.
Conoscete anche voi la malattia : li guardi, li ammiri, ci godi un pò e poi li rimetti via. :brillo:
Un giorno di questi devo lasciare a casa mamma pentax e i suoi cuccioli (M 85-2 + 135 M ; K 2,5 ; K 4) ed uscire con una delle zenit senza esposimetro che possiedo ; mi porterei in questo caso l' esposimetro a mano che non uso da anni (cioè da quando ci sono i figli).
Ultimamente devo dire che più che fotografare faccio il collezzionista ....
Anche per me gli obiettivi non servono solo per fare fotografie !
Per i vetri russi nei libretti di istruzione viene scritta la risoluzione, ma attenzione sono riferiti a standard di misura urss ; quindi se misurati con standard occidentali darebbero risultati migliori.

Ma quante belle lenti, tovarish!
Credo di avere piú o meno quelle che hai tu, piú le inutilissime versioni in baionetta Kiev-10... e mi trovo nella stessa tua condizione, da quando sono arrivati i bambini passo piú tempo ad accarezzarle le lenti che a usarle.
Ma perché invece che alla Zenit le tue ottiche sovietiche non le attacchi a quella bella macchinetta che hai per avatar? :wink2:
Io ultimamente ho messo da parte anche il coredo Oly e mi sto divertendo ad usare tutte le ottiche sovietiche e ddr che ho sulla Spotmatic e su una Chinon CE-3 Memotron. Faccio principalmente le foto ai bimbi, e devo dire che i risultati sono notevolissimi. Almeno tecnicamente... :oops:
Tengo in borsa il Mir 20/3.5, il Pentacon 29/2.8, il Mir-1 37/2.8, un 50ino a scelta a seconda dell'umore (Takumar, Chinon, Tessar, Zenit), lo Jupiter 85/2 o l'Helios 85/1.5 e il Tair 133/2.8; le ottiche piú lunghe e pesanti non le ho quasi mai usate, a parte qualche volta lo Jupiter-6 180/2.8 giusto per vedere come va (e va benissimo).
Magari quando avró un pó di soldi da spendere sostituiró il tutto con una bella serie di SMC-Takumar... anzi no, so giá che non sostituiró un bel niente. Affiancheró... :wink2:
Davide
Spotmatic e altre cose.

"Il rumore e' un difetto digitale, la grana e' un pregio analogico." (Roberto B)
Avatar utente
california
Azionista del forum
 
Messaggi: 2806
Iscritto il: mer feb 13, 2008 7:04 pm
Località: Milano - Padova
 

Re: Iuppiter Iovis

Messaggioda oizirbaf » gio feb 12, 2009 4:41 pm

l'Helios 85/1.5


:cool: Buongustaio! Vite m 42 :?: Magari tutto cromato :?:
Avatar utente
oizirbaf
Dito seduto
 
Messaggi: 2177
Iscritto il: lun apr 07, 2008 1:35 pm
Località: Roma
 

Re: Iuppiter Iovis

Messaggioda pentaxmania » gio feb 12, 2009 4:50 pm

ciao california, le vecchie asahi pentax al massimo accettano di uscire con jupiter neri, mentre gli jupiter alluminio escono solo con zenit cromo !
A parte gli scherzi sono contento di condividere questo forum con altri pazzi che hanno l' armadio pieno di roba vecchia e per noi libidinosa. Sono pentax dipendente manual meccanico a differenza dei digital-computerizzati con porta usb sempre collegata in vena.
Scusate ma non riesco ad aggiungere a questo mio scritto una scansione degli schemi zeiss old e new + jupiter 9 e 11 !!! :confuso: :x :x
Da questi si vede chiaramente che gli jupiter 9 (7 lenti ) non sono copie degli zeiss anteguerra 6 lenti. Anche a Stoccarda aggiungono nel dopoguerra la settima lente e non si sà chi l 'ha aggiunta prima se i russi o i tedeschi.
Anche lo schema dello jupiter 11 è un pò diverso dal sonnar anteguerra e assomiglia di più allo schema zeiss dopoguerra.
In entrambi i casi i due obiettivi non sono copie esatte degli zeiss.
K20 D + obiettivi pentax vari ( LX + MX + Super A + Program A + A3 + SFX + SFXn + SP 1000 + SP II + ME + ME super , MV1 + P30 + P50 + S1a +...........)
Avatar utente
pentaxmania
Dito seduto
 
Messaggi: 1597
Iscritto il: mer feb 11, 2009 2:23 pm
Località: Prov. VA
 

Re: Iuppiter Iovis

Messaggioda california » gio feb 12, 2009 4:51 pm

oizirbaf ha scritto:
l'Helios 85/1.5


:cool: Buongustaio! Vite m 42 :?: Magari tutto cromato :?:


Per tutti i gusti:

M39x1, chromato:

Immagine

M42x1, all-black:

Immagine

Ma quello che uso normalmente é quello nero, che non mi abbisogna dell'anellino 39/42.
Davide
Spotmatic e altre cose.

"Il rumore e' un difetto digitale, la grana e' un pregio analogico." (Roberto B)
Avatar utente
california
Azionista del forum
 
Messaggi: 2806
Iscritto il: mer feb 13, 2008 7:04 pm
Località: Milano - Padova
 

PrecedenteProssimo

Torna a Storia e collezionismo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite