Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio)

Storia, collezionismo e curiosità del mondo Pentax e della fotografia in generale.

Moderatori: maxofrome, Enrico, Mauro, old_kappa, Buster

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda Alqua » gio nov 16, 2017 11:35 am

unoqualsiasi ha scritto:Secondo me ha perso il controllo della sua definizione di arte. Semplicemente.

Se mi dici il motivo per cui ti sembra sia così...
La mia risposta mi pare chiara: il numero di cose che non sono considerate arte anche secondo la mia definizione è quasi infinito.
Qualsiasi cosa che sia considerata arte da almeno una persona, o anche due, si può considerare arte.
Corollario 0: la decisione in merito al grado di qualità artistica va stabilita sulla sola base dei giudizi relativi al contenuto dell'opera
Corollario 1: in qualsiasi foto ci può essere qualcosa di interessante
Corollario 2: non c'è mai 'niente da fotografare'

[K-30, KP, 100 D-FA macro WR, 18-135 WR, 18-55 WR, serie M 50 f2, 55-300 DA ED, Samyang 14mm]
https://www.flickr.com/photos/69740546@N03/
ev. 500px: cercare alberto quagliaroli
Avatar utente
Alqua
Azionista del forum
 
Messaggi: 3015
Iscritto il: gio set 19, 2013 4:05 pm
Località: Piacenza
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda Alqua » gio nov 16, 2017 11:45 am

xyennio ha scritto:Alqua di questo passo ti quacckano anche il nick :asd:

:roll: Che posso dire... facciano ciò che ritengono opportuno, secondo le regole del forum, naturalmente, spero...
A me non sembra di aver accusato nessuno, né insultato, né di aver parlato di politica ecc.
In ogni caso, mi sento ancora in dovere di ringraziare tutti coloro con cui sono avvenute tutte queste discussioni, per quanto mi riguarda ne ho tratto gran beneficio in vari sensi.
:bye:
Ultima modifica di Alqua il gio nov 16, 2017 2:10 pm, modificato 1 volta in totale.
Qualsiasi cosa che sia considerata arte da almeno una persona, o anche due, si può considerare arte.
Corollario 0: la decisione in merito al grado di qualità artistica va stabilita sulla sola base dei giudizi relativi al contenuto dell'opera
Corollario 1: in qualsiasi foto ci può essere qualcosa di interessante
Corollario 2: non c'è mai 'niente da fotografare'

[K-30, KP, 100 D-FA macro WR, 18-135 WR, 18-55 WR, serie M 50 f2, 55-300 DA ED, Samyang 14mm]
https://www.flickr.com/photos/69740546@N03/
ev. 500px: cercare alberto quagliaroli
Avatar utente
Alqua
Azionista del forum
 
Messaggi: 3015
Iscritto il: gio set 19, 2013 4:05 pm
Località: Piacenza
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda unoqualsiasi » gio nov 16, 2017 11:47 am

Semplice: ad ogni appunto che ti si solleva aggiungi un nuovo filtro, una nuova postilla o un nuovo corollario. Guglielmo di Occam si rivolta nella tomba, sappilo.
Invece la cosa è estremamente semplice: secondo la TUA definizione il numero di cose che sette miliardi e mezzo di esseri umani, ognuno con il proprio pensiero, possono considerare arte è INIMMAGINABILE.
Avatar utente
unoqualsiasi
   
 
Messaggi: 30658
Iscritto il: mar feb 07, 2012 6:34 pm
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda Alqua » gio nov 16, 2017 12:00 pm

unoqualsiasi ha scritto:Semplice: ad ogni appunto che ti si solleva aggiungi un nuovo filtro, una nuova postilla o un nuovo corollario. Guglielmo di Occam si rivolta nella tomba, sappilo.
Invece la cosa è estremamente semplice: secondo la TUA definizione il numero di cose che sette miliardi e mezzo di esseri umani, ognuno con il proprio pensiero, possono considerare arte è INIMMAGINABILE.

Questo è vero, ma di fatto ciò non accade, ed è estremamente improbabile che accada, quindi rimane il fatto che la capacità di separare arte da non arte rimane piuttosto efficace.
E comunque ho letto prima in un tuo post:
Tralasciando il discorso della levatura artistica, una inimmaginabile quantità di cose (sia come oggetti singoli che come categorie) è INCLUSA nella tua definizione. "... non: "può essere inclusa".
Qualsiasi cosa che sia considerata arte da almeno una persona, o anche due, si può considerare arte.
Corollario 0: la decisione in merito al grado di qualità artistica va stabilita sulla sola base dei giudizi relativi al contenuto dell'opera
Corollario 1: in qualsiasi foto ci può essere qualcosa di interessante
Corollario 2: non c'è mai 'niente da fotografare'

[K-30, KP, 100 D-FA macro WR, 18-135 WR, 18-55 WR, serie M 50 f2, 55-300 DA ED, Samyang 14mm]
https://www.flickr.com/photos/69740546@N03/
ev. 500px: cercare alberto quagliaroli
Avatar utente
Alqua
Azionista del forum
 
Messaggi: 3015
Iscritto il: gio set 19, 2013 4:05 pm
Località: Piacenza
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda bel-ami » gio nov 16, 2017 12:15 pm

unoqualsiasi ha scritto:
Qualsiasi cosa che sia considerata arte da almeno una persona, o anche due, si può considerare arte.


Tralasciando il discorso della levatura artistica, una inimmaginabile quantità di cose (sia come oggetti singoli che come categorie) è INCLUSA nella tua definizione.
E' sufficiente che io guardi al "cuscinetto a sfere" come oggetto artistico (sia per come è fisicamente costruito sia per come è stato concepito nella sua funzionalissima semplicità) perchè di colpo al mondo ci siano MILIARDI di cose che sono oggetti artistici. E gli umani sul pianeta sono sette miliardi e mezzo e ne tu ne io sappiamo cosa costoro considerano arte. Ho conosciuto persone che considerano arte (culinaria) i prodotti dei fast-food, per esempio.

Le stesse identiche considerazioni che avrei voluto scrivere io. Oggi al mondo tutta la produzione umana nonché tutta la natura è qualcosa che secondo la definizione di Alqua rientra nell'arte. Se tutto è arte, nulla è arte.
Il resto l'ho scritto altrove, circa la mia opinione su questa definizione. E' triste che se ne stia parlando ancora, laddove il link messo da Xyennio qui viewtopic.php?f=25&t=106816 (con il quale si può essere d'accordo oppure no), avrebbe potuto aprire un serio dibattito sulle strutture del linguaggio fotografico.
Cazzone Ghettizzato matr. 1570
Visita il mio blog!: https://www.unoscattodistratto.com/
Scatterò una bella foto domani... or later
Avatar utente
bel-ami
Cazzone ghettizzato
 
Messaggi: 18593
Iscritto il: gio apr 23, 2009 5:43 pm
Località: Carovigno (BR)
Skype: bel-ami77
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda Alqua » gio nov 16, 2017 2:04 pm

bel-ami ha scritto:
unoqualsiasi ha scritto:
Qualsiasi cosa che sia considerata arte da almeno una persona, o anche due, si può considerare arte.


Tralasciando il discorso della levatura artistica, una inimmaginabile quantità di cose (sia come oggetti singoli che come categorie) è INCLUSA nella tua definizione.
E' sufficiente che io guardi al "cuscinetto a sfere" come oggetto artistico (sia per come è fisicamente costruito sia per come è stato concepito nella sua funzionalissima semplicità) perchè di colpo al mondo ci siano MILIARDI di cose che sono oggetti artistici. E gli umani sul pianeta sono sette miliardi e mezzo e ne tu ne io sappiamo cosa costoro considerano arte. Ho conosciuto persone che considerano arte (culinaria) i prodotti dei fast-food, per esempio.

Le stesse identiche considerazioni che avrei voluto scrivere io. Oggi al mondo tutta la produzione umana nonché tutta la natura è qualcosa che secondo la definizione di Alqua rientra nell'arte. Se tutto è arte, nulla è arte.
Il resto l'ho scritto altrove, circa la mia opinione su questa definizione. E' triste che se ne stia parlando ancora, laddove il link messo da Xyennio qui viewtopic.php?f=25&t=106816 (con il quale si può essere d'accordo oppure no), avrebbe potuto aprire un serio dibattito sulle strutture del linguaggio fotografico.

Chiedo scusa se insisto; se scrivi "può rientrare nell'arte", concordo, ma se scrivi "rientra", questo non corrisponde alle conseguenze della definizione che propongo.
Allo stato attuale delle cose, gran parte di ciò che esiste non è arte secondo la mia definizione. Gran parte di ciò che esiste può essere arte secondo la mia definizione, sì. Ma questo per me è un bene e non pregiudica nel concreto la possibilità di separare con una certa chiarezza arte da non arte.
Poi, ognuno scelga la definizione di arte che vuole. Io continuo a preferire la mia e ho cercato e cerco di darne le motivazioni. E finché qualcuno porta delle motivazioni contrarie ad essa, mi pare sia mio diritto controbattere, oltre ad essere tra l'altro anche molto proficuo per me (per quanto possa interessare).
Qualsiasi cosa che sia considerata arte da almeno una persona, o anche due, si può considerare arte.
Corollario 0: la decisione in merito al grado di qualità artistica va stabilita sulla sola base dei giudizi relativi al contenuto dell'opera
Corollario 1: in qualsiasi foto ci può essere qualcosa di interessante
Corollario 2: non c'è mai 'niente da fotografare'

[K-30, KP, 100 D-FA macro WR, 18-135 WR, 18-55 WR, serie M 50 f2, 55-300 DA ED, Samyang 14mm]
https://www.flickr.com/photos/69740546@N03/
ev. 500px: cercare alberto quagliaroli
Avatar utente
Alqua
Azionista del forum
 
Messaggi: 3015
Iscritto il: gio set 19, 2013 4:05 pm
Località: Piacenza
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda Scorpio » gio nov 16, 2017 2:09 pm

Ho finito i pop-corn.... Chi me li passa?
Offro una birra.....
Immagine
Avatar utente
Scorpio
Callaghan Prrrrrrrr !!!
 
Messaggi: 5189
Iscritto il: lun gen 19, 2009 12:45 am
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda elerum » gio nov 16, 2017 3:22 pm

Scorpio ha scritto:Ho finito i pop-corn.... Chi me li passa?
Offro una birra.....

quack quack
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Michele
Vivi & ricorda con il cuore & pensa alla morte come se domani verrà,
la logica di porterà da A a B ma l'immaginazione ti porterà dappertutto
"Zac"
« debolezza è potenza & forza è niente.
Quando l'uomo nasce è debole e duttile, quando muore è forte e rigido, così come l'albero: mentre cresce è tenero e flessibile, e quando è duro e secco, muore. Rigidità e forza sono compagne della morte, debolezza e flessibilità esprimono la freschezza dell'esistenza. »
(Lo Stalker)
Avatar utente
elerum
Azionista del forum
 
Messaggi: 4824
Iscritto il: mar dic 21, 2010 9:32 pm
Località: meneghino d'importazione
Skype: elerum
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda fanagot » gio nov 16, 2017 3:22 pm

Scorpio ha scritto:Ho finito i pop-corn.... Chi me li passa?
Offro una birra.....

la paghi domani al Murphy's? :happy2:
Mancano molte foto di obiettivi che TU magari hai. Controlla nell'archivio e provvedi! Immagine
Avatar utente
fanagot
Non ho ancora svaccato abbastanza?
 
Messaggi: 29998
Iscritto il: ven feb 15, 2008 10:14 am
Località: Paperopoli
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda Scorpio » gio nov 16, 2017 3:25 pm

fanagot ha scritto:
Scorpio ha scritto:Ho finito i pop-corn.... Chi me li passa?
Offro una birra.....

la paghi domani al Murphy's? :happy2:


Certo.... Aspettatemi
Immagine
Avatar utente
Scorpio
Callaghan Prrrrrrrr !!!
 
Messaggi: 5189
Iscritto il: lun gen 19, 2009 12:45 am
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda elerum » gio nov 16, 2017 3:28 pm

Scorpio ha scritto:
fanagot ha scritto:
Scorpio ha scritto:Ho finito i pop-corn.... Chi me li passa?
Offro una birra.....

la paghi domani al Murphy's? :happy2:


Certo.... Aspettatemi

Se la birra la devi allo scansafatiche di un papero.... toccherà Te aspettarlo ... per taaaaaanto tempo :azzz:
Michele
Vivi & ricorda con il cuore & pensa alla morte come se domani verrà,
la logica di porterà da A a B ma l'immaginazione ti porterà dappertutto
"Zac"
« debolezza è potenza & forza è niente.
Quando l'uomo nasce è debole e duttile, quando muore è forte e rigido, così come l'albero: mentre cresce è tenero e flessibile, e quando è duro e secco, muore. Rigidità e forza sono compagne della morte, debolezza e flessibilità esprimono la freschezza dell'esistenza. »
(Lo Stalker)
Avatar utente
elerum
Azionista del forum
 
Messaggi: 4824
Iscritto il: mar dic 21, 2010 9:32 pm
Località: meneghino d'importazione
Skype: elerum
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda xyennio » gio nov 16, 2017 4:31 pm

Alqua ha scritto:
bel-ami ha scritto:
unoqualsiasi ha scritto:
Qualsiasi cosa che sia considerata arte da almeno una persona, o anche due, si può considerare arte.


Tralasciando il discorso della levatura artistica, una inimmaginabile quantità di cose (sia come oggetti singoli che come categorie) è INCLUSA nella tua definizione.
E' sufficiente che io guardi al "cuscinetto a sfere" come oggetto artistico (sia per come è fisicamente costruito sia per come è stato concepito nella sua funzionalissima semplicità) perchè di colpo al mondo ci siano MILIARDI di cose che sono oggetti artistici. E gli umani sul pianeta sono sette miliardi e mezzo e ne tu ne io sappiamo cosa costoro considerano arte. Ho conosciuto persone che considerano arte (culinaria) i prodotti dei fast-food, per esempio.

Le stesse identiche considerazioni che avrei voluto scrivere io. Oggi al mondo tutta la produzione umana nonché tutta la natura è qualcosa che secondo la definizione di Alqua rientra nell'arte. Se tutto è arte, nulla è arte.
Il resto l'ho scritto altrove, circa la mia opinione su questa definizione. E' triste che se ne stia parlando ancora, laddove il link messo da Xyennio qui viewtopic.php?f=25&t=106816 (con il quale si può essere d'accordo oppure no), avrebbe potuto aprire un serio dibattito sulle strutture del linguaggio fotografico.

Chiedo scusa se insisto; se scrivi "può rientrare nell'arte", concordo, ma se scrivi "rientra", questo non corrisponde alle conseguenze della definizione che propongo.
Allo stato attuale delle cose, gran parte di ciò che esiste non è arte secondo la mia definizione. Gran parte di ciò che esiste può essere arte secondo la mia definizione, sì. Ma questo per me è un bene e non pregiudica nel concreto la possibilità di separare con una certa chiarezza arte da non arte.
Poi, ognuno scelga la definizione di arte che vuole. Io continuo a preferire la mia e ho cercato e cerco di darne le motivazioni. E finché qualcuno porta delle motivazioni contrarie ad essa, mi pare sia mio diritto controbattere, oltre ad essere tra l'altro anche molto proficuo per me (per quanto possa interessare).


C’ho pensato, è vero che ogni oggetto è potenzialmente un opera d’arte ma deve essere creato da qualcuno o qualcosa ( una AI ad es. in un lontano futuro ) una pietra grezza perde la definizione di “opera” . Se l’oggetto creato non è dichiarato opera d’arte nemmeno dall’autore ( e da nessun altro ) resta un oggetto funzionale ( o meno ) con una molto trascurabile possibilità di diventare arte in futuro, diciamo che neanche potenzialmente lo è. Un oggetto creato in cui l’autore o almeno una persona anche se non l’autore lo dichiari opera d’arte assume la possibilità che essa lo divenga, ma non essendo stata condivisa ancora da nessuno questa condizione a mio parere fa rimanere quell’oggetto una potenziale opera d’arte. Dico questo perché sono d’accordo con Alqua nel voler incoraggiare chiunque a proporre opere che abbiano funzione di arte, e anche nel volere fornire una definizione “oggettiva” non sottoposta al giudizio del “gusto” per sua natura poco incline ad essere quantificabile o peggio ancora al mercato, ma il mio corollario “ almeno un’altra persona “ propone l’obbligo della condivisione proprietà necessaria e auspicabile dell’arte, quindi quando due persone si mettono d’accordo sul fatto che un oggetto è un opera d’arte ( oggetto per dire ma anche musica teatro ecc ecc ) e come se una comunità ( sia pure piccola :asd: ) prendesse atto di cosa è quel che ha difronte



Niente volevo aggiungere altre due pagine a questa discussione, cosi vi mangiate i pop corn :asd:


Alqua il rischio ban per noi due inizia a salire lo sai questo vero?
pentax-K5, S. 10-20; P. 17-70; K135; T. 70-200 2.8; P M50 1.7; Manfrotto MT294A3 + 496RC2
Metz 52 AF1 ( D'Ettorre ); Yongnuo 460II, ammenicoli vari

Immagine

mio sito
Pentaxiani siculi
Flickr
Avatar utente
xyennio
Azionista del forum
 
Messaggi: 4795
Iscritto il: dom feb 13, 2011 5:21 pm
Località: Palermo
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda ziofrancotto » gio nov 16, 2017 4:57 pm

Io però dopo sei pagine non ho capito di che discutete :fuga:
Pentax ME K55/1.8 K135/2.5 D-FA 100 WR

il mio 500px
Avatar utente
ziofrancotto
Azionista del forum
 
Messaggi: 4807
Iscritto il: gio apr 14, 2011 6:22 pm
Località: San Donato Milanese
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda Mauro » gio nov 16, 2017 5:32 pm

onanismo estremo ....
Ma poi, è proprio obbligatorio essere qualcuno?(Raffaello Mascetti)
c’entra come il culo e le quarant’ore
Siamo alle porte co' sassi.
Avatar utente
Mauro
   
 
Messaggi: 27960
Iscritto il: mer feb 13, 2008 10:58 pm
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda b-rider-0047 » gio nov 16, 2017 8:22 pm

fanagot ha scritto:Quack!!!!!111!!!!1!!!!111!!


mia bisnonna Jolanda è nata il giorno 11/11/1911 ed ha avuto 11 figli
giuro!
Avatar utente
b-rider-0047
Azionista del forum
 
Messaggi: 3094
Iscritto il: mar lug 07, 2015 10:47 pm
Località: più o meno tra padova e venezia
 

PrecedenteProssimo

Torna a Storia e collezionismo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite