Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio)

Storia, collezionismo e curiosità del mondo Pentax e della fotografia in generale.

Moderatori: maxofrome, Enrico, Mauro, old_kappa, Buster

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda giangi4 » mer nov 15, 2017 3:43 pm

mi sembra una maglia piuttosto larga, ci passa qualsiasi cosa!
mi chiedo di nuovo che senso abbia cercare di definire qualcosa con una definizione che sostanzialmente accetta tutto e il contrario di tutto...per me non ne ha, tanto vale non dare nessuna definizione.
mai paura!
giangi4
Postofilo forsennato
 
Messaggi: 966
Iscritto il: mar ago 04, 2009 9:57 am
Località: Treviso
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda xyennio » mer nov 15, 2017 4:46 pm

giangi4 ha scritto:mi sembra una maglia piuttosto larga, ci passa qualsiasi cosa!
mi chiedo di nuovo che senso abbia cercare di definire qualcosa con una definizione che sostanzialmente accetta tutto e il contrario di tutto...per me non ne ha, tanto vale non dare nessuna definizione.


Credo che in un certo senso fosse il messaggio dello stesso Manzoni, qualunque cosa può essere e sarà di fatto considerata ... persino una m... quindi che senso ha? Il senso è il valore, chiama la tua opera quack!, a r t e, illuminazione divina, ciò che conta poi è se qualcuno la degnera' di un valore, se il tuo bellissimo quadro non lo compra nessuno ne oggi ne domani sarà un opera senza valore, se la m... di Manzoni vale migliaia di euro quella ha valore, e come disse il marchese del Grillo perché io so io e voi nun valete un ca..o
pentax-K5, S. 10-20; P. 17-70; K135; T. 70-200 2.8; P M50 1.7; Manfrotto MT294A3 + 496RC2
Metz 52 AF1 ( D'Ettorre ); Yongnuo 460II, ammenicoli vari

Immagine

mio sito
Pentaxiani siculi
Flickr
Avatar utente
xyennio
Azionista del forum
 
Messaggi: 4901
Iscritto il: dom feb 13, 2011 5:21 pm
Località: Palermo
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda alle84 » mer nov 15, 2017 7:18 pm

la scatoletta di Manzoni ha avuto successo e l'ha ancora (l'ultima venduta mi sembra che andò intorno ai 100.000 €? ricordo di un link di fb) perchè l'ha fatta lui ed era già famoso... se l'avesse fatta a 20 anni (non so se era già famoso) non se lo sarebbe filato nessuno...
così parlo il boss:
" we will make you an asshole as big as the dome of Florence's cathedral " versione international
del famoso detto fiorentino " Vi si fa un buho di hulo come la cupola dì domo "
così parlò memo:
discutere con un troll è come giocare a scacchi con un piccione: potresti essere il più grande giocatore del mondo ma il piccione continuerà a rovesciare tutti i pezzi, cagherà sulla scacchiera e camminerà impettito andando in giro con aria trionfante.
_______________________
Ciao Fabio.
Avatar utente
alle84
cazzaro universale
 
Messaggi: 15246
Iscritto il: mer feb 13, 2008 7:25 pm
Località: Bologna
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda Alqua » mer nov 15, 2017 8:28 pm

giangi4 ha scritto:mi sembra una maglia piuttosto larga, ci passa qualsiasi cosa!
mi chiedo di nuovo che senso abbia cercare di definire qualcosa con una definizione che sostanzialmente accetta tutto e il contrario di tutto...per me non ne ha, tanto vale non dare nessuna definizione.

in realtà una inimmaginabile quantità di cose è esclusa dalla mia definizione. E come ho già detto stabilire che qualcosa è arte, è solo il primo passo, poi la parola passa alla valutazione della qualità artistica, che è in grado di discernere, a seconda dei criteri utilizzati, l'arte di valore da quella trascurabile.
Qualsiasi cosa che sia considerata arte da almeno una persona, o anche due, si può considerare arte.
Corollario 0: la decisione in merito al grado di qualità artistica va stabilita sulla sola base dei giudizi relativi al contenuto dell'opera
Corollario 1: in qualsiasi foto ci può essere qualcosa di interessante
Corollario 2: non c'è mai 'niente da fotografare'

[K-30, KP, 100 D-FA macro WR, 18-135 WR, *11-18 ED DC AW, serie M 50 f2, 55-300 DA ED, Samyang 14mm]
https://www.flickr.com/photos/69740546@N03/
ev. 500px: cercare alberto quagliaroli
Avatar utente
Alqua
Azionista del forum
 
Messaggi: 3150
Iscritto il: gio set 19, 2013 4:05 pm
Località: Piacenza
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda Scorpio » mer nov 15, 2017 8:34 pm

Immagine
Immagine
Avatar utente
Scorpio
Callaghan Prrrrrrrr !!!
 
Messaggi: 5205
Iscritto il: lun gen 19, 2009 12:45 am
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda giangi4 » gio nov 16, 2017 12:18 am

Una quantità inimmaginabile addirittura?!?
:-) :-) :-)
Me ne dici una?
mai paura!
giangi4
Postofilo forsennato
 
Messaggi: 966
Iscritto il: mar ago 04, 2009 9:57 am
Località: Treviso
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda Alqua » gio nov 16, 2017 6:36 am

giangi4 ha scritto:Una quantità inimmaginabile addirittura?!?
:-) :-) :-)
Me ne dici una?

Qualsiasi cosa che nessuna persona al mondo dice, conoscendola in qualche determinato modo, essere arte.

:confuso:
Comincio a temere qualche nuova quacckata :paaura:
Qualsiasi cosa che sia considerata arte da almeno una persona, o anche due, si può considerare arte.
Corollario 0: la decisione in merito al grado di qualità artistica va stabilita sulla sola base dei giudizi relativi al contenuto dell'opera
Corollario 1: in qualsiasi foto ci può essere qualcosa di interessante
Corollario 2: non c'è mai 'niente da fotografare'

[K-30, KP, 100 D-FA macro WR, 18-135 WR, *11-18 ED DC AW, serie M 50 f2, 55-300 DA ED, Samyang 14mm]
https://www.flickr.com/photos/69740546@N03/
ev. 500px: cercare alberto quagliaroli
Avatar utente
Alqua
Azionista del forum
 
Messaggi: 3150
Iscritto il: gio set 19, 2013 4:05 pm
Località: Piacenza
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda Mauro » gio nov 16, 2017 9:05 am

l'arte è un modo di campare senza lavorare
Ma poi, è proprio obbligatorio essere qualcuno?(Raffaello Mascetti)
c’entra come il culo e le quarant’ore
Siamo alle porte co' sassi.
Avatar utente
Mauro
   
 
Messaggi: 28463
Iscritto il: mer feb 13, 2008 10:58 pm
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda unoqualsiasi » gio nov 16, 2017 9:33 am

Mauro ha scritto:l'arte è un modo di campare senza lavorare


:ook: :ook: :clap: :clap: :clap: :clap:
Avatar utente
unoqualsiasi
   
 
Messaggi: 31560
Iscritto il: mar feb 07, 2012 6:34 pm
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda unoqualsiasi » gio nov 16, 2017 9:41 am

Alqua ha scritto:
giangi4 ha scritto:mi sembra una maglia piuttosto larga, ci passa qualsiasi cosa!
mi chiedo di nuovo che senso abbia cercare di definire qualcosa con una definizione che sostanzialmente accetta tutto e il contrario di tutto...per me non ne ha, tanto vale non dare nessuna definizione.

in realtà una inimmaginabile quantità di cose è esclusa dalla mia definizione. E come ho già detto stabilire che qualcosa è arte, è solo il primo passo, poi la parola passa alla valutazione della qualità artistica, che è in grado di discernere, a seconda dei criteri utilizzati, l'arte di valore da quella trascurabile.


Qualsiasi cosa che sia considerata arte da almeno una persona, o anche due, si può considerare arte.


Tralasciando il discorso della levatura artistica, una inimmaginabile quantità di cose (sia come oggetti singoli che come categorie) è INCLUSA nella tua definizione.
E' sufficiente che io guardi al "cuscinetto a sfere" come oggetto artistico (sia per come è fisicamente costruito sia per come è stato concepito nella sua funzionalissima semplicità) perchè di colpo al mondo ci siano MILIARDI di cose che sono oggetti artistici. E gli umani sul pianeta sono sette miliardi e mezzo e ne tu ne io sappiamo cosa costoro considerano arte. Ho conosciuto persone che considerano arte (culinaria) i prodotti dei fast-food, per esempio.
Avatar utente
unoqualsiasi
   
 
Messaggi: 31560
Iscritto il: mar feb 07, 2012 6:34 pm
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda Alqua » gio nov 16, 2017 10:16 am

unoqualsiasi ha scritto:
Alqua ha scritto:
giangi4 ha scritto:mi sembra una maglia piuttosto larga, ci passa qualsiasi cosa!
mi chiedo di nuovo che senso abbia cercare di definire qualcosa con una definizione che sostanzialmente accetta tutto e il contrario di tutto...per me non ne ha, tanto vale non dare nessuna definizione.

in realtà una inimmaginabile quantità di cose è esclusa dalla mia definizione. E come ho già detto stabilire che qualcosa è arte, è solo il primo passo, poi la parola passa alla valutazione della qualità artistica, che è in grado di discernere, a seconda dei criteri utilizzati, l'arte di valore da quella trascurabile.


Qualsiasi cosa che sia considerata arte da almeno una persona, o anche due, si può considerare arte.


Tralasciando il discorso della levatura artistica, una inimmaginabile quantità di cose (sia come oggetti singoli che come categorie) è INCLUSA nella tua definizione.
E' sufficiente che io guardi al "cuscinetto a sfere" come oggetto artistico (sia per come è fisicamente costruito sia per come è stato concepito nella sua funzionalissima semplicità) perchè di colpo al mondo ci siano MILIARDI di cose che sono oggetti artistici. E gli umani sul pianeta sono sette miliardi e mezzo e ne tu ne io sappiamo cosa costoro considerano arte. Ho conosciuto persone che considerano arte (culinaria) i prodotti dei fast-food, per esempio.

In effetti è necessario, per essere rigorosi nel giudizio (in alcuni post l'ho precisato), giudicare arte un determinato oggetto di cui si ha esperienza diretta; degli altri oggetti, anche se prodotti su scala industriale, non si ha esperienza diretta, si può presumere che arrivando a farne esperienza diretta, saranno giudicati arte, ma non lo si può dire con certezza, a meno di dare un giudizio su qualcosa che non si conosce direttamente.

Inoltre, quante cose esistono di cui ognuno di noi fa esperienza diretta vedendole ed eventualmente toccandole quasi ogni momento della nostra giornata, per non parlare degli oggetti sparsi nell'universo intero..., e a quante decidiamo di attribuire il carattere di arte? A meno di non stare ogni singolo momento della nostra vita a valutare se ogni singola cosa che incontriamo è arte o non la è, sono veramente molto poche (un numero quasi trascurabile, si potrebbe dire) tali cose rispetto agli oggetti presenti nell'universo.
Qualsiasi cosa che sia considerata arte da almeno una persona, o anche due, si può considerare arte.
Corollario 0: la decisione in merito al grado di qualità artistica va stabilita sulla sola base dei giudizi relativi al contenuto dell'opera
Corollario 1: in qualsiasi foto ci può essere qualcosa di interessante
Corollario 2: non c'è mai 'niente da fotografare'

[K-30, KP, 100 D-FA macro WR, 18-135 WR, *11-18 ED DC AW, serie M 50 f2, 55-300 DA ED, Samyang 14mm]
https://www.flickr.com/photos/69740546@N03/
ev. 500px: cercare alberto quagliaroli
Avatar utente
Alqua
Azionista del forum
 
Messaggi: 3150
Iscritto il: gio set 19, 2013 4:05 pm
Località: Piacenza
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda xyennio » gio nov 16, 2017 10:47 am

Alqua di questo passo ti quacckano anche il nick :asd:
pentax-K5, S. 10-20; P. 17-70; K135; T. 70-200 2.8; P M50 1.7; Manfrotto MT294A3 + 496RC2
Metz 52 AF1 ( D'Ettorre ); Yongnuo 460II, ammenicoli vari

Immagine

mio sito
Pentaxiani siculi
Flickr
Avatar utente
xyennio
Azionista del forum
 
Messaggi: 4901
Iscritto il: dom feb 13, 2011 5:21 pm
Località: Palermo
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda Scorpio » gio nov 16, 2017 10:54 am

Alqua ha scritto:
unoqualsiasi ha scritto:
Alqua ha scritto:
giangi4 ha scritto:mi sembra una maglia piuttosto larga, ci passa qualsiasi cosa!
mi chiedo di nuovo che senso abbia cercare di definire qualcosa con una definizione che sostanzialmente accetta tutto e il contrario di tutto...per me non ne ha, tanto vale non dare nessuna definizione.

in realtà una inimmaginabile quantità di cose è esclusa dalla mia definizione. E come ho già detto stabilire che qualcosa è arte, è solo il primo passo, poi la parola passa alla valutazione della qualità artistica, che è in grado di discernere, a seconda dei criteri utilizzati, l'arte di valore da quella trascurabile.


Qualsiasi cosa che sia considerata arte da almeno una persona, o anche due, si può considerare arte.


Tralasciando il discorso della levatura artistica, una inimmaginabile quantità di cose (sia come oggetti singoli che come categorie) è INCLUSA nella tua definizione.
E' sufficiente che io guardi al "cuscinetto a sfere" come oggetto artistico (sia per come è fisicamente costruito sia per come è stato concepito nella sua funzionalissima semplicità) perchè di colpo al mondo ci siano MILIARDI di cose che sono oggetti artistici. E gli umani sul pianeta sono sette miliardi e mezzo e ne tu ne io sappiamo cosa costoro considerano arte. Ho conosciuto persone che considerano arte (culinaria) i prodotti dei fast-food, per esempio.

In effetti è necessario, per essere rigorosi nel giudizio (in alcuni post l'ho precisato), giudicare arte un determinato oggetto di cui si ha esperienza diretta; degli altri oggetti, anche se prodotti su scala industriale, non si ha esperienza diretta, si può presumere che arrivando a farne esperienza diretta, saranno giudicati arte, ma non lo si può dire con certezza, a meno di dare un giudizio su qualcosa che non si conosce direttamente.

Inoltre, quante cose esistono di cui ognuno di noi fa esperienza diretta vedendole ed eventualmente toccandole quasi ogni momento della nostra giornata, per non parlare degli oggetti sparsi nell'universo intero..., e a quante decidiamo di attribuire il carattere di arte? A meno di non stare ogni singolo momento della nostra vita a valutare se ogni singola cosa che incontriamo è arte o non la è, sono veramente molto poche (un numero quasi trascurabile, si potrebbe dire) tali cose rispetto agli oggetti presenti nell'universo.


Te la stai scialando..... Vero? :lol:
Immagine
Avatar utente
Scorpio
Callaghan Prrrrrrrr !!!
 
Messaggi: 5205
Iscritto il: lun gen 19, 2009 12:45 am
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda unoqualsiasi » gio nov 16, 2017 10:56 am

Secondo me ha perso il controllo della sua definizione di arte. Semplicemente.
Avatar utente
unoqualsiasi
   
 
Messaggi: 31560
Iscritto il: mar feb 07, 2012 6:34 pm
 

Re: Reinventò la fotografia di moda (come stile e linguaggio

Messaggioda emmefanatico » gio nov 16, 2017 11:31 am

unoqualsiasi ha scritto:
Mauro ha scritto:l'arte è un modo di campare senza lavorare


:ook: :ook: :clap: :clap: :clap: :clap:


Dipende da cosa si intende per "arte".
Fare l'orchestrale in un'orchestra sinfonica/teatro d'opera è un lavoro vero, e chi sostiene il contrario è molto probabile che lo dica perché non conosce il lavoro in questione.
Poi si può discutere sul margine di artisticità lasciato all'individuo, soprattuto nel caso specifico di strumentista di fila piuttosto che prima parte.

Ma sennò si fa come quello che diceva che le foto che avevo fatto erano venute bene "per forza, perché con le lenti buone...", quando erano tutti HDR da 5 scatti, fatti a mano perché il mattoncino arriva massimo a 3, con telecomando, cavalletto, PP, luci che il WB era un incubo, ca//1 e ma//1 etc. e c'avevo messo due ore buone a scattare più altre 4-5 di PP...

Oppure potrei dire che il tassista in fondo non è un vero lavoro, perché tanto stanno sempre a leggere il giornale, e quando guidano non gli importa se arrivano tardi, anzi più c'è traffico e più gira il tassametro. Per dire.
"...a parità di tutti gli altri fattori"

Mattoncino-panda e Bat-camera
Avatar utente
emmefanatico
Azionista del forum
 
Messaggi: 4840
Iscritto il: ven gen 16, 2015 11:48 am
 

PrecedenteProssimo

Torna a Storia e collezionismo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite