COME SOSTITUIRE LE PILE ALL'OSSIDO DI MERCURIO

Per gli amanti della pellicola in qualsiasi formato.

Moderatori: maxofrome, Enrico, Mauro, old_kappa, Buster

COME SOSTITUIRE LE PILE ALL'OSSIDO DI MERCURIO

Messaggioda Vincenzo Maielli » mar mar 30, 2010 9:39 pm

COME RICONOSCERE LE FOTOCAMERE CHE USANO LE BATTERIE ALL’OSSIDO DI MERCURIO E I POSSIBILI RIMEDI PER LA LORO SOSTITUZIONE

1) FOTOCAMERE, ESPOSIMETRI SEPARATI ED ALIMENTAZIONE ELETTRICA:
Occorre prestare molta attenzione al problema dell'alimentazione elettrica delle fotocamere usate, soprattutto di quelle fabbricate tra gli anni '60 e '70, in quanto, spesso, si faceva ricorso alle classiche pile all'ossido di mercurio da 1,35 volt (PX625 e similari) e da 5,6 volt (PX27 e similari) non più in produzione, stante l'alta tossicità e, quindi, l'alto potere inquinante del mercurio. Vediamo ora i differenti modelli di fotocamere selezionati in base alle loro batterie d'alimentazione, tenendo presente che le fotocamere che usano le PX625 o le PX27 hanno l'esposimetro inutilizzabile e richiedono, pertanto, l'uso di esposimetri separati (sempre che si tratti di fotocamere ad otturatore meccanico). Viceversa, se si tratta di fotocamere ad esposizione automatica a priorità dei tempi ed otturatore meccanico, si deve rinunciare all'automatismo di esposizione, ricorrendo all'esposimetro separato per la misura dell'esposizione in manuale (è il caso della Canon EF sui tempi di scatto veloci oppure di tutte le Konica Autoreflex, dalla T fino alla T4 e alla TC, su tutti i tempi di scatto). Se si tratta di macchine ad esposizione automatica (dei tempi o dei diaframmi) ad otturatore elettronico, sono utilizzabili solo in presenza di almeno un tempo di scatto meccanico; è il caso delle Asahi Pentax Spotmatic ES ed ES II, mentre le Minox fino alla 35 GT richiedono l’uso di adattatori per pile all’ossido di mercurio.
OSSIDO DI MERCURIO PX400 DA 1,35 VOLT:
ASAHI PENTAX Spotmatic (una batteria), ASAHI PENTAX Spotmatic II (una batteria), ASAHI PENTAX Spotmatic IIA (una batteria), ASAHI PENTAX 500 (una batteria), ASAHI PENTAX 1000 (una batteria), FUJICA ST701 (una batteria), FUJICA ST705 (una batteria).
OSSIDO DI MERCURIO PX625 DA 1,35 VOLT:
ALPA SLR IIe (una batteria), ALPA SLR IIel (una batteria), ALPA 9d SLR (una batteria), ALPA 9d (una batteria), ALPA 11si (una batteria), ASAHI PENTAX SV (esposimetri clip-on, funzionanti con una batteria), ASAHI PENTAX S1a (esposimetri clip-on, funzionanti con una batteria), ASAHI PENTAX Spotmatic F (una batteria), BEWI Super (esposimetro separato, funzionante con una batteria), BEWI Super L (esposimetro separato, funzionante con una batteria), Canon 7s (una batteria), CANON 7sZ (una batteria), CANON EX - EX EE (una batteria), CANON FX (una batteria), CANON TL (una batteria), CANON TLb (una batteria), CANON FT-QL (una batteria), CANON Pellix (una batteria), CANON F-1 Old (una batteria, tutte le versioni), CANON EF (quattro batterie), CANON EF II (quattro batterie), CANON FTb-QL (una batteria), CANON FTb-QL II (una batteria), CANONET G III-17 (e tutti gli altri modelli di Canonet, funzionanti con una batteria), CANON Booster F-1 Old (due batterie), CANON Booster FT-B QL (due batterie), CHINON SLR (una batteria), DOI/AETNA/CAPITAL/SAMIGON Professional D1 (esposimetro separato, vecchia versione, funzionante con una batteria), EXAKTA Travemat ed Hexamat (pentaprismi esposimetrici per Exakta VX 1000 funzionanti con una batteria), EXAKTA TL1000 (una batteria), EXAKTA Twin TL (una batteria), GOSSEN Sixon 2 (esposimetro separato, funzionante con una batteria), GOSSEN Lunasix 3 (esposimetro separato, funzionante con una batteria), GOSSEN Lunasix 3S (esposimetro separato, funzionante con una batteria), KONICA S2 (una batteria), KONICA CDS Meter per Konica FP (una batteria), KONICA Autoreflex (una batteria), KONICA Autoreflex T (una batteria), KONICA Autoreflex T3 (due batterie), KONICA Autoreflex T3n (due batterie), KONICA Autoreflex T4 (due batterie), KONICA FS-1 (due batterie), KOWA SE, SER, SET, SET-R (una batteria), KOWA Prism Meter Six, Super 66, 6MM (una batteria), LEICA M5 (una batteria), LEICAMETER MR3 ed MR4 (esposimetri separati di tipo clip on, funzionanti con una batteria), LEICA CL (una batteria), LEICAFLEX (una batteria), LEICAFLEX SL (una batteria), LEICAFLEX SL-2 (una batteria), MIRANDA Automex III (una batteria), MIRANDA FM (una batteria), MIRANDA F (mirino esposimetro intercambiabile, una batteria), MIRANDA G (mirino esposimetro intercambiabile, una batteria), MIRANDA GT (una batteria), MIRANDA FvT (una batteria), MIRANDA Sensorex (una batteria), MINOLTA Autocord CDS (una batteria), MINOLTA SRT 101 (una batteria), MINOLTA SRT 303 (una batteria), MINOLTA SRT 101b (una batteria), MINOLTA SRT 303b (una batteria), MINOLTA Hi Matic 7 (una batteria), MINOLTA Hi Matic 7S (una batteria), MINOLTA Hi Matic 9 (una batteria), MINOLTA Hi Matic 11 (una batteria), NIKON F (tutti i pentaprismi esposimetrici Photomic, funzionanti con una batteria, tranne la primissima versione, al selenio), NIKKORMAT FTn (una batteria), OLYMPUS Pen F (una batteria), OLYMPUS Pen FT (una batteria), OLYMPUS Pen EE (una batteria), OLYMPUS Pen D2 (una batteria), OLYMPUS FTL (una batteria), OLYMPUS 35 SP (una batteria), OLYMPUS 35 SPn (una batteria), OLYMPUS 35 RC (una batteria), OLYMPUS 35 RD (una batteria), OLYMPUS 35 UC (una batteria), OLYMPUS OM1 (una batteria), OLYMPUS OM1N (una batteria), PETRI FT (una batteria), PETRI FT11 (una batteria), PETRI FTX (una batteria), PETRI M35 (una batteria), PETRI V6 (una batteria) PETRI V6 II (una batteria), PETRI Color 35 (una batteria), PETRI Racer (una batteria), PETRI Rapid (una batteria), PRAKTICA LTL (una batteria), PRAKTICA LTL2 (una batteria), PRAKTICA LTL3 (una batteria), PRAKTICA LLC (una batteria), PRAKTICA Super TL (una batteria), PRAKTICA Super TL2 (una batteria), PRAKTICA Super TL3 (una batteria), PRAKTICA MTL (una batteria), PRAKTICA MTL 3 (una batteria), PRAKTICA MTL5 (una batteria), PRAKTICA TL (una batteria), PRAKTICA TL 2 (una batteria), PRAKTICA TL 3 (una batteria), PRAKTICA TL 500 (una batteria), PRAKTICA TL 1000 (una batteria), RICOH TLS 401 (una batteria), RICOH Auto TLS-EE, Singlex (una batteria), ROLLEI 35 (una batteria), ROLLEI 35 T (una batteria), ROLLEI 35 S (una batteria), ROLLEI 35 Classic (una batteria – prima versione), ROLLEIFLEX SL35 (una batteria), ROLLEIFLEX SL35M (una batteria), SOLIGOR Selector CDS (esposimetro separato, funzionante con una batteria), SOLIGOR Selector UF (esposimetro separato, funzionante con una batteria), SOLIGOR UF Meter (esposimetro separato, vecchia versione funzionante con una batteria), SOLIGOR Spot Sensor Meter (esposimetro separato, vecchia versione, funzionante con due batterie), TARON Auto EE (una batteria), TARON Auto EL (una batteria), TARON Auto EL28 (una batteria), TOPCON RE Super (una batteria), TOPCON RE 2 (una batteria), TOPCON Super D (una batteria), TOPCON Super DM (una batteria), TOPCON Uni (una batteria), TOPCON Unirex (una batteria), TOPCON Unirex EE (una batteria), VIVITAR XV-1 (una batteria), VOIGTLANDER Bessamatic CS (una batteria), VOIGTLANDER Ultramatic CS (una batteria), VOIGTLANDER Vitomatic I CS (una batteria), VOIGTLANDER Vitomatic II CS (una batteria), VOIGTLANDER Vitomatic III CS (una batteria), VOIGTLANDER VF101 (una batteria), VOIGTLANDER VSL-1 (una batteria), ZEISS IKON Contarex Super (una batteria), ZEISS IKON Contarex Super Electronic (due batterie), ZEISS IKON Ikarex 35 CS (una batteria), ZEISS IKON Ikarex 35 STM (una batteria), ZEISS IKON Ikarex 35 SBM (una batteria), ZEISS IKON Ikarex SL 706 (una batteria), ZEISS IKON Contaflex Super BC (una batteria), ZEISS IKON Contessa S 310 (una batteria), ZEISS IKON Contessa S 312 (una batteria), ZEISS IKON Ikophot CDS Meter (esposimetro separato, funzionante con una batteria), WESTON Ranger 9 (esposimetro separato, funzionante con una batteria), YASHICA Lynx 14 (una batteria), YASHICA Lynx 5000 (una batteria), YASHICA Minister (una batteria), YASHICA Mat 124 (una batteria), YASHICA Mat 124 G (una batteria).
OSSIDO DI MERCURIO PX675 DA 1,35 VOLT:
CHINON 35 (una batteria), CHINON 35EE (una batteria), CHINON CS (una batteria), EDIXA TL (una batteria), EDIXA T500 (una batteria), EDIXA T1000 (una batteria), EXAKTA TL 1000 (una batteria), EXAKTA Twin TL (una batteria), EXAKTA FE2000 (una batteria), KIEV 60 (Pentaprisma T.T.L. funzionante con tre batterie), KIEV 88 (Pentaprisma T.T.L. funzionante con tre batterie), KONICA S3 (una batteria), MINOLTA Hi Matic 7S II (una batteria), MIRANDA Sensomat (una batteria), MIRANDA Sensomat RE (una batteria), MIRANDA Sensomat RS (una batteria), MIRANDA Sensorex II (una batteria), MIRANDA Sensorex EE (una batteria), MIRANDA Auto Sensorex EE-2 (una batteria), MIRANDA RE-II (una batteria), MIRANDA TM (una batteria), OLYMPUS Pen D3 (una batteria), PALLAS (MIRANDA) TM (una batteria), PENTACON Six TL (Pentaprisma T.T.L. funzionante con tre batterie), PETRI FA-1 (una batteria), PETRI FT500 (una batteria), PETRI FT1000 (una batteria), PETRI TTL (una batteria), PETRI TT II (una batteria), PETRI FTEE (una batteria), PETRI MF1 (una batteria), PETRI Color 35 (una batteria), PETRI Color 35E (una batteria), PRAKTICA MTL 5B (prima serie - una batteria), RICOH 500G (una batteria), RICOH 500 GX (una batteria), RICOH 800 EE (una batteria), SOLIGOR (MIRANDA) TM (una batteria), TOPCON IC-1 Auto (una batteria), TOPCON IC-1 N (una batteria), VIVITAR 35 (una batteria), VIVITAR 35EE (una batteria), VIVITAR 35ES (una batteria), VIVITAR 35ES (una batteria), VIVITAR 35ES (una batteria), VIVITAR 35ES (una batteria), VIVITAR 220 SL (una batteria), VIVITAR 250 SL (una batteria), VIVITAR 400 SL (una batteria), VIVITAR 406 SL (una batteria), VIVITAR 420 SL (una batteria), VIVITAR 450 SL (una batteria), VIVITAR SLX650 (una batteria), VIVITAR XV-3 (una batteria), VIVITAR XV-10 (una batteria), YASHICA 35 ME (una batteria), YASHICA 35 MES (una batteria), YASHICA FFT (una batteria), YASHICA FX-2 (una batteria), YASHICA ME-1 (una batteria), Yashica MF-1 (una batteria), Yashica 35MF (una batteria), Yashica 35MFS (una batteria).
OSSIDO DI MERCURIO PX640 DA 1,35 VOLT:
MIRANDA Sensoret (due batterie), SOLIGOR (MIRANDA) Sensoret 14E (due batterie), YASHICA Electro 35 FC (una batteria), YASHICA Electro GX (una batteria), YASHICA Lynx 5000E (due batterie), YASHICA Lynx 14E (due batterie).
OSSIDO DI MERCURIO PX27 DA 5,6 VOLT:
MINOX 35 EL (una batteria), MINOX 35 GL (una batteria), MINOX 35 GT (una batteria), ROLLEI 35 SE (una batteria), ROLLEI 35 TE (una batteria), ROLLEI 35 LED (una batteria).
OSSIDO DI MERCURIO PX32 DA 5,6 VOLT:
YASHICA Electro 35 (una batteria), YASHICA Electro 35 G (una batteria), YASHICA Electro 35 GL (una batteria), YASHICA Electro 35 GS (una batteria), YASHICA Electro GT (una batteria), YASHICA Electro GSN (una batteria), YASHICA Electro 35 GTN (una batteria), YASHICA Electro 35 GL (una batteria), YASHICA Electro 35 AX (una batteria), YASHICA MG-1 (una batteria).
OSSIDO DI MERCURIO PX21 E PX71 DA 4,5 VOLT:
EXAKTA RTL 1000 (pentaprismi esposimetrici, una batteria), EXAKTA TL 1000 (pentaprismi esposimetrici, una batteria), PRAKTICA LLC (una batteria), PRAKTICA DTL 3 (una batteria), PRAKTICA PLC 2 (una batteria), PRAKTICA PLC 3 (una batteria), PRAKTICA EE 2 (una batteria), PRAKTICA EE 3 (una batteria), PRAKTICA VLC (una batteria), PRAKTICA VLC 2 (una batteria), PRAKTICA VLC 3 (una batteria).
N.B.: Per risolvere il problema della cessata produzione e importazione, in Europa e USA, delle batterie da 1,35 e da 5,6 volt all’ossido di mercurio, vedi il successivo paragrafo.

2) IL PROBLEMA DELLE BATTERIE AL MERCURIO E I RIMEDI POSSIBILI (PARTE PRIMA):
E’ ormai universalmente noto che è stata definitivamente interrotta, in tutto il mondo, la produzione di tutte le batterie che contengono l’inquinante ossido mercurio nella loro formulazione. Il problema è enormemente sentito da coloro i quali utilizzano le fotocamere fabbricate tra gli anni ’60 e ’70, le quali sono alimentate in larga misura dalle batterie all’ossido di mercurio, sia per il funzionamento dell’esposimetro, sia per l'azionamento dell’otturatore (se quest’ultimo è elettronico). Le principali batterie incriminate sono le PX625 e le PX400 da 1,35 volt, le PX71 da 4,5 volt, le PX27 da 5,6 volt e le PX32 da 5,7 volt. Vediamo, di seguito, i possibili rimedi per superare tale problema:
INTERVENTO DEL FOTORIPARATORE, ALLO SCOPO DI PERMETTERE L’USO DELLE COMUNI BATTERIE ALL’OSSIDO D’ARGENTO DA 1,5 VOLT AL POSTO DELLE BATTERIE PX625, PX400, PX27:
E’ possibile operare la ritaratura dei circuiti esposimetrici delle macchine che usano le batterie suddette. Si può intervenire mediante la rotazione manuale del galvanometro, fino a far collimare l’ago con il punto di equilibrio, nel momento in cui la quantità di luce disponibile è sufficiente ad una corretta esposizione. Se non è possibile ruotare il galvanometro, il fotoriparatore agirà sul correttore dell’ago, presente nella maggioranza dei dispositivi dotati di galvanometro. Con quest’ultimo tipo di taratura, puramente meccanico, l’esposimetro continuerà a fornire dati in sé alterati, anche se le indicazioni riportate agli occhi del fotografo saranno corrette. Questi tipi di intervento rappresentano la routine quando si effettuano interventi di manutenzione ordinaria o di vero e proprio ripristino delle vecchie fotocamere. Inoltre, presso il centro di assistenza della Polyphoto, è possibile far tarare gli esposimetri delle classiche fotocamere Olympus OM-1 e OM-1N, le quali utilizzano le batterie all'ossido di mercurio da 1,35 volt, in modo tale che possano funzionare anche con le normali batterie da 1,5 volt all'ossido d'argento. Una cosa analoga è possibile anche con le fotocamere Canon F1 Old, FT-b QL ed EF, presso qualificati centri di assistenza autorizzati, a partire da quelli ufficiali.
BATTERIE ALTERNATIVE ALCALINE DA 1,5 VOLT:
La Varta produce delle interessanti batterie con tecnologia alcalina, siglate 625-U. Sono disponibili anche presso altri fabbricanti, con sigle leggermente differenti (625-A e 625-G). La Duracell le denonina PX625A. La loro forma esteriore ricalca esattamente quella delle classiche batterie all’ossido di mercurio da 1,35 volt tipo PX625, notissime a chiunque ha usato il Leicameter MR4 o la Yashica Mat 124 G, tanto per fare due nomi. Il prezzo di tali batterie si aggira sui 2 Euro. La loro tensione di alimentazione è di 1,5 volt superando di +0,15 volt quella delle PX625 o PX400 all’ossido di mercurio (quest’ultima usata dalle Asahi Pentax Spotmatic, eccetto la F che usa le PX625, e dalla Fujica ST 701). La differenza di tensione non comporta rilevanti conseguenze pratiche, in generale, circa i valori di esposizione, con le moderne pellicole negative a colori, notoriamente molto tolleranti circa la sottoesposizione. Con le diapositive a colori, il discorso è differente. Purtroppo, le PX625A, non hanno la tensione d’alimentazione costante: quando sono fresche, forniscono 1,5 volt, poi, con l’uso, la tensione d’alimentazione scende fino ad arrivare ad 1,35 volt (quella delle classiche PX625 all’ossido di mercurio) fino a divenire ancora più bassa. Volendo, si può utilizzare un esposimetro separato o quello T.T.L. di un altro apparecchio di sicuro affidamento, allo scopo di calcolare la differenza di esposizione. Calcolato il discostamento, lo si può correggere agendo sulla ghiera di selezione degli ASA/DIN (corrispondenti agli attuali ISO) oppure facendo ricorso al correttore di esposizione degli apparecchi automatici, allo scopo di introdurre un valore fisso di staratura dell’esposizione. Il fatto è che occorrerebbe procedere a tali compensazioni in maniera costante, lungo l’intera vita della batteria, se si dedidera la massima precisione di misurazione. Un altro caso in cui un elemento all’ossido di mercurio può essere sostituito da una pila alcalina, è quello delle reflex Praktica VLC1, VLC2 e VLC3. Questi apparecchi utilizzano una batteria all’ossido di mercurio PX71 da 4,5 volt, sostituibile da una pila alcalina Ucar 523 o equivalente. Ma anche in questo caso, occorre fare i conti con la tensione d’alimentazione decrescente, fenomeno tipico delle pile alcaline.
BATTERIE ALTERNATIVE ALL’OSSIDO D’ARGENTO DA 1,55 VOLT:
Sono siglate S625PX. Utilizzano l’ossido d’argento, in luogo del mercurio, hanno la stessa forma e le medesime dimensioni delle PX625 classiche da 1,35 volt all’ossido di mercurio ma sviluppano una tensione d’alimentazione pari ad 1,55 volt, quindi maggiore rispetto ai classici 1,35 volt. Anche le S625PX hanno la tensione d’alimentazione decrescente, ma il decremento è costante, per cui è agevole compensarlo, una volta per tutte, agendo sulla ghiera dei diaframmi o sull’anello che regola la sensibilità ISO/ASA.
BATTERIE ALTERNATIVE ALL’OSSIDO D’ARGENTO DA 1,55 VOLT PER LE REFLEX ASAHI PENTAX SPOTMATIC:
Per gli amanti delle classiche Spotmatic esiste una valida, e tutto sommato economica, alternativa in casa Varta. Si tratta della batteria V394, il cui costo si aggira sui 2,50 Euro. L’unica accortezza riguarda quelle serie di Spotmatic, le cui batterie originali PX400 sono circondate da un anellino di plastica azzurra. In questo caso, occorre estrarre la pila originale esaurita dall’anello, inserirvi la Varta V394 e il gioco è fatto. Se non si dovesse disporre dell’anellino di plastica azzurra originale, si può sostituire con un anello O-ring da 10 mm (si reperisce nei negozi di idraulica). Queste note valgono per tutte le reflex Asahi Spotmatic, tranne la Spotmatic SL e la Spotmatc F: la prima è priva d’esposimetro, mentre la seconda è alimentata da una batteria all’ossido di mercurio da 1,35 voltt ma di tipo PX625. Non è necessario, utilizzando le batterie da 1,55 volt con le Pentax Spotmatic, Spotmatic II (SP II), Spotmatic IIa, Spotmatic 500 e Spotmatic 1000, far tarare l’esposimetro, perché queste fotocamere utilizzano un circuito elettrico a ponte, indipendente dall’effettivo voltaggio. Il galvanometro misura l’equilibrio tra i deu rami del ponte, che sono influenzati allo stesso modo da qualunque “normale” variazione di tensione. Anche l’Asahi Pentax Spotmatic F, alimentata da una pila all’ossido di mercurio PX625 da 1,35 volt, ha un circuito doppio a ponte, che permette l’uso indifferente sia delle pile da 1,35 volt all’ossido di mercurio, sia di quelle da 1,55 volt all’ossido d’argento. Tuttavia, sia che si usino le pile all’ossido d’argento al posto delle PX400, sia che si usino al posto delle pile PX625, è possibile impostare una variazione fissa sulla scala delle sensibilità ASA/ISO/DIN, in quanto le pile all’ossido d’argento hanno la tensione di alimentazione costante, come le pile all’ossido di mercurio.
BATTERIE ALTERNATIVE ALLO ZINCO/ARIA DA 1,35 VOLT:
La società americana Wein produce delle batterie, denominate Weincell, del tipo a a pastiglia allo zinco-aria da 1,35 volt (MRB625). Esse durano un pò meno delle tradizionali pile all'ossido di mercurio da 1,35 volt ma salvano dall'obsolescenza molte valide macchine fotografiche ed esposimetri separati degli anni '60 e '70. Sono le cosiddette “batterie verdi” da 1,35 volt. Hanno la stessa tensione di alimentazione delle batterie PX625 e PX400 all’ossido di mercurio ma sono prive del nocivo elemento. In Italia sono reperibili nei listini della Polyphoto (codice MRB625) e sono previste tra gli accessori delle Leica reflex e di quelle a telemetro della serie M. Erano alimentate con batterie PX625 all’ossido di mercurio da 1,35 volt la Leicaflex, la Leicaflex SL e la Leicaflex SL-2. Nella serie M, troviamo la Leica M5, la Leica CL e l’esposimetro esterno di tipo clip on Leicameter MR4. Ciascuna batteria MRB625 costa 7 Euro e la sua durata, secondo l’uso che si fa della fotocamera, varia dai 7 ai 12 mesi; la pila si esaurisce anche se non è usata. Sono vendute anche in Spagna ed in Inghilterra, dalla ditta britannica Jessop. Tali batterie funzionano come quelle delle protesi acustiche, mediante una reazione chimica che avviene quando lo zinco entra in contatto con l’aria. Le pile siglate col codice MRB625 vanno bene con tutti gli apparecchi alimentati dalle pile PX625, oltre che con quelli suddetti. Sul sito web “Leicatime” di Luigi Crescenzi si afferma che le pile MRB625, distribuite dalla Polyphoto, chiuse in confezione integra, durano 10 anni e che hanno una plastica autoadesiva verde che le ricopre, la quale va rimossa per permetterne l’utilizzo. Questa ricopertura autoadesiva si può rimettere, dopo l’uso, quando la pila viene rimossa dalla fotocamera o dall’esposimetro separato, il che ne allunga la durata. Le batterie di questo tipo non lavorano bene nei climi secchi. Altre batterie della Weincell sono le MRB400 (PX400) e le MRB675 (PX675), attualmente non reperibili in Italia.
ADATTATORI PER USARE LE BATTERIE DA 1,5 VOLT E DA 6 VOLT ALL’OSSIDO D’ARGENTO, AL POSTO DELLE BATTERIE PX625 E PX400 DA 1,35 VOLT, PX27 DA 5,6 VOLT E PX32 DA 6 VOLT ALL’OSSIDO DI MERCURIO:
Una società americana, specializzata nella riparazione di attrezzature fotografiche, la C.R.I.S. Camera Service, attualmente non rappresentata in Italia ma contattabile via Internet (http://www.criscam.com) produce degli adattatori per usare le batterie all'ossido d'argento, in luogo di quelle all’ossido di mercurio; essi convertono la tensione d'alimentazione delle fotocamere alimentate dalle pile all’ossido di mercurio da 1,35 o da 5,6 in quella delle pile all’ossido d’argento da 1,5 o da 6 volt. La C.R.I..S. Camera Service produce i seguenti modelli di adattatore per batterie non più in produzione:
MR-9:
Permette di montare le normali batterie all'ossido d'argento da 1,5 volt, ad esempio del tipo 386, nelle macchine che usano le pile all'ossido di mercurio da 1,35 volt del tipo PX13 e PX625 (Yashica Mat 124G, Leicameter MR3 ed MR4, Leica M5 e CL, Leicaflex, Leicaflex SL, Leicaflex SL-2, Rolleiflex 35 SL, Canon EX, FX, TL-b, F1 Old, FT-b QL, EF, Praktica LLC ed MTL3, quasi tutte le compatte giapponesi degli anni ’70, Topcon RE Super, Super D e Super DM, tutti i Photomic delle Nikon F, la Nikkormat FTn, tutte le Minolta della serie SRT). Presso la ditta italiana Fowa è disponibile l’adattatore MR-9 per adoperare le pile all'ossido d'argento da 1,5 volt con i famosi esposimetri separati Gossen Sixon 2, Lunasix 3 e Lunasix 3S (usano tutti e tre le batterie PX625). Tale adattatore è ordinabile direttamente alla Fowa.
H-B:
Tale adattatore serve per sostituire le pile all’ossido di mercurio RM400 e PX400 di tutte le Asahi Pentax Spotmatic, tranne la rara SL priva di esposimetro incorporato; le pile suddette sono rimpiazzate dalle batterie all’ossido d’argento tipo 377 o dalle corrispondenti Varta V394, le stesse degli orologi.
HM-4N:
Esso permette di sostituire le batterie al mercurio PX32 da 5,6 volt, con le batterie all’ossido d’argento PX28, al litio PX28L oppure E544, tutte da 6 volt.
V27PX:
Quest’ultimo tipo di adattatore consente di rimpiazzare le batterie da 5,6 volt all’ossido di mercurio PX27 (adoperate in tutte le Minox serie 35 fino alla GT e da tutte le Yashica della serie Electro 35) con quattro batterie all’ossido d’argento, tipo 386. Presso la Fowa o la Polyphoto è possibile reperire l’adattatore V27PX, da usare con la Minox 35 GT: il suo costo è pari a circa 30 Euro. E’ però possibile, in questo specifico caso, provvedere in proprio, ponendo in serie quattro batterie all’ossido d’argento da 1,5 volt ciascuna, del tipo SR44, come le Varta V-76 PX o equivalenti. Per poterle sistemare correttamente all’interno del vano pila della Minox 35 GT, è però necessario fabbricare un contenitore cilindrico, ritagliandolo da un cartoncino di modesto spessore. Tale cilindro di cartone va inserito nel vano pila della 35 GT e, successivamente, vanno impilate le quattro batterie.
LA TECNOLOGIA DEGLI ADATTATORI:
All’interno di ciascun adattatore, è presente un micro circuito elettronico che riduce la tensione d’alimentazione delle moderne batterie, a quella richiesta dalle fotocamere che usano le diferenti pile all’ossido di mercurio. Con gli adattatori MR-9 e H-B si passa da 1,5 volt ad 1,35 volt mentre con gli adattatori HM-4N e V27PX si passa da 6 volt a 5,6 volt. Un’altra ditta che commercializza adattatori per batterie al mercurio è l’inglese The Small Battery Company; si limita, però, ai soli adattatori MR-9 e V27PX.
N.B.: L’uso degli adattatori, come quelli appena descritti, rappresenta la soluzione ideale e definitiva al problema, non presenta alcun problema di voltaggio e non richiede nessun intervento di taratura dei circuiti esposimetrici.
ADATTATORI AUTOCOSTRUITI:
E’ possibile fabbricare da sè degli adattatori, per usare le pile all’ossido d’argento da 1,55 volt con le fotocamere che usano le batterie PX625 da 1,35 volt all’ossido di mercurio. Questi adattatori si basano sull’uso di diodi Schottky BAT83, che servono per modificare permanentemente la tensione d’alimentazione. La descrizione su come realizzare questi adattatori si trova in Internet, digitando su Google o Yahoo le parole “the mercury cell problem and its solution”. Compare, sul monitor, un documento PDF, ad opera di Frank de Gruijter, nel quale, dopo la descrizione dei diversi tipi di batterie con i quali è possibile sostituire le pile all’ossido di mercurio, sono riportate le istruzioni per la realizzazione dell’adattatore. E’ possibile anche acquistare l’intero kit per la realizzazione dell’adattatore, seguendo le indicazioni circa le modalità di pagamento.
ESPOSIMETRI SEPARATI:
Per chi non possa reperire gli adattatori, non ami il "fai da te" (come nel caso della Minox 35 GT) oppure non voglia o non possa far ritarare i circuiti esposimetrici della propria fotocamera, l’unica alternativa possibile resta quella di usare un esposimetro separato, purché non si tratti, ovviamente, dei Leicameter MR, Gossen Sixon 2, Lunasix 3 e Lunasix 3S oppure dei DOI/Capital Professional D1 della vecchia serie (usano tutti una batteria PX625 all’ossido di mercurio da 1,35 volt e il problema permarrebbe). Viceversa, le nuove versioni del DOI/Capital Professional D1 (denominate D-3 e D-B III) usano una batteria all’ossido d’argento da 1,55 volt. Ideali, per l’uso in questione, sono l’esposimetro Voigtlaender VC Meter o il Sekonic L208. Entrambi sono adattabili perfettamente alle slitte porta accessori presenti sul pentaprisma di molte reflex o sul tettuccio delle macchine a telemetro. Il Sekonic L208 permette, inoltre, anche l’uso della lettura a luce incidente e consente, in aggiunta, l’uso delle vecchie velocità di otturazione, presenti su molte macchine a telemetro o folding di medio formato, fabbricate fino alla fine degli anni ‘50. Se si usano gli esposimetri separati di classe professionale, sono sempre disponibili sia la lettura a luce incidente, sia quella riflessa e, molto spesso, anche quella di tipo spot. Lo svantaggio, in tutti i casi suddetti, è dato dalla maggiore lentezza operativa, che va a scapito delle riprese veloci, tipo il reportage.

3) IL PROBLEMA DELLE BATTERIE ALL’OSSIDO DI MERCURIO E LE POSSIBILI SOLUZIONI (PARTE SECONDA):
Le seguenti note sono state tratte dal sito britannico “The Small Battery Company”.
LE BATTERIE ALL’OSSIDO DI MERCURIO PX625:
Tipo: ossido di mercurio.
Diametro: 15,6 mm.
Altezza: 5,95 mm.
Voltaggio d’uscita: 1,35 volt (costante).
Le batterie all’ossido di mercurio, tipo PX625 ed equivalenti, sono state poste fuori produzione a causa dell’elevata tossicità del mercurio, un metallo pesante altamente nocivo per l’ambiente e per la salute umana.
LE BATTERIE ALCALINE TIPO PX625A:
Tipo: alcalina.
Diametro: 15,25 mm.
Altezza: 6,02 mm.
Voltaggio d’uscita: 1,5 volt (non costante).
Si tratta della soluzione più economica, per la sostituzione delle pile all’ossido di mercurio PX625. Le pile tipo PX625A, hanno dimensioni leggermente diverse da quelle delle classiche pile all’ossido di mercurio tipo PX625 e il voltaggio è superiore (1,5 volt). Tuttavia, nonostante la leggera differenza dimensionale, le PX625A si adattano perfettamente ai vani delle pile delle fotocamere cui sono destinate. Anche la differenza di voltaggio potrebbe non costituire un handicap, ma, come con tutte le batterie alcaline, anche le PX625A hanno lo svantaggio di un voltaggio non stabile. Le PX625, quando sono fresche, hanno un voltaggio in uscita pari a 1,5 volt, il quale decresce rapidamente verso 1,35 volt e poi ancora più giù. Se le PX625A vengono usate in una fotocamera che richiede un voltaggio stabile, ll loro utilizzo costringerebbe ad una continua ed estenuante opera di compensazione.
LE BATTERIE ALL’OSSIDO D’ARGENTO TIPO SPX625:
Tipo: ossido d’argento.
Diametro: 15,25 mm.
Altezza: 6,05 mm.
Voltaggio d’uscita: 1,55 volt (costante).
Le pile SPX625 producono un voltaggio d’uscita pari a 1,55 volt, superiore a quello di 1,35 volt che producevano le classiche PX625 all’ossido di mercurio. Questa differenza viene di norma tollerata dalle moderne pellicole negative, a colori o in bianco nero, e non costituisce un problema. La stessa cosa non si può dire per le pellicole diapositive a colori. Le pile SPX625, però, hanno un grosso vantaggio sulle corrispondenti pile alcaline PX625A: il loro voltaggio d’uscita è stabile. Pertanto, è possibile impostare una compensazione fissa sulla ghiera di regolazione della sensibilità ASA, di norma attorno ai due stop in sottoesposizione. Resta solo il problema della leggera differenza dimensionale, rispetto alle classiche pile PX625 all’ossido di mercurio.
LE BATTERIE ALLO ZINCO – ARIA WEINCELL MRB625:
Tipo: zinco - aria.
Diametro: 15,6 mm.
Altezza: 5,95 mm.
Voltaggio d’uscita: 1,35 volt (costante).
Le pile Weincell MRB625 derivano dalle batterie allo zinco – aria da 1,4 volt, che hanno sostituito le pile al mercurio negli apparecchi per i non udenti. Per attivare le pile allo zinco aria, occorre togliere un dischetto adesivo: in tal modo l’aria, penetrando da sette grandi fori, fa reazione con lo zinco, attivando la batteria. Le pile allo zinco – aria per i non udenti hanno un vantaggio e due svantaggi. Il vantaggio è un basso prezzo d’acquisto, gli svantaggi sono dati dal voltaggio leggermente superiore (1,4 volt) e dalla durata, in genere compresa tra due e quattro mesi. La Weincell ha migliorato la tecnologia delle prime batterie per non udenti, utilizzando un elettrolito proprietario, che ha ridotto la tensione del voltaggio in uscita ai canonici 1,35 volt. Inoltre, sono stati usati due piccoli fori, per il passaggio dell’aria, in luogo dei sette grandi fori. Ciò ha allungato la vita utile delle pile ad un anno. Certo, siamo ancora lontani dagli exploit delle classiche PX625 all’ossido di mercurio, che potevano durare anche sino a tre anni, ma è comunque un buon risultato. Inoltre, le Weincell MRB625 hanno le stesse identiche dimensioni delle vecchie pile PX625 all’ossido di mercurio. A differenza delle batterie alcaline PX625A, il voltaggio delle Weincell MRB625 non solo è pari a 1,35 volt ma è assolutamente stabile. Una volta tolto il dischetto adesivo, l’aria penetra dai due piccoli fori, fa reazione con lo zinco e dopo circa mezz’ora la pila è pronta per l’uso. Il dischetto adesivo andrebbe conservato, in quanto può essere rimesso al suo posto, per allungare la vita utile della batteria. Dal momento che le Weincell MRB625 durano, in confezione integra, sino a 10 anni, è possibile farne una scorta. Tenendo presenti tutte le loro caratteristiche, le MRB625 rappresentano la migliore soluzione, a parte gli specifici adattatori, per la sostituzione delle PX625 all’ossido di mercurio. Altre batterie della Weincell sono le MRB400 (PX400) e le MRB675 (PX675).
L’ADATTATORE MR-9 CON RIDUTTORE DI VOLTAGGIO:
Tipo: adattatore, con circuito per la riduzione del voltaggio.
Diametro: 15,6 mm.
Altezza: 5,95 mm.
Voltaggio d’uscita: 1,35 volt (costante).
Rappresenta la migliore soluzione, qualora non si vogliano utilizzare le pile allo zinco – aria Weincell MRB625. Inoltre, costituisce un vantaggio quando non si vuol far ritarare il circuito della fotocamera, o dell’esposimetro esterno, allo scopo di non modificare l’estetica e la funzionalità di apparecchi che devono rimanere nelle loro condizioni originali. Al suo interno, l’adattatore MR-9 alloggia una batteria 386 all’ossido d’argento, caratterizzata da un voltaggio costante di 1,55 volt. Un circuito, incorporato nell’adattatore, riduce automaticamente il voltaggio a 1,35 volt costanti, permettendo il perfetto funzionamento di tutte le macchine previste per l’uso delle pile PX625 all’ossido di mercurio da 1,35 volt.
L’uso dell’adattatore MR-9 non richiede nessuna compensazione dell’esposizione, né alcuna modifica dei circuiti della macchina. Non richiede nessuna attivazione con l’aria. Infine, le pile all’ossido d’argento da 1,55 volt come le 386 hanno una vita utile più elevata di quelle delle pile allo zinco – aria tipo Weincell MRB625.
L’unica accortezza da avere, è che l’adattatore MR-9 è progettato per funzionare con fotocamere ed esposimetri che hanno un flusso di corrente che non superi i 200 microamperes. Esempi tipici, sono i mirini esposimetrici Photomic per la Nikon F, oppure le Canon Canonet G-III QL 17 e QL19. In questi casi, l’esposimetro funziona perfettamente, ma il pulsante di check battery o non funziona oppure fornisce dati errati. L’adattatore in questione è fabbricato dalla ditta giapponese Kanto.
L’ADATTATORE V27PX CON RIDUTTORE DI VOLTAGGIO:
Tipo: adattatore con riduttore di voltaggio.
Diametro: 12,7 mm.
Altezza: 20,5 mm.
Voltaggio d’uscita: 5,6 volt (costante).
Tale adattatore permette di sostituire le pile all’ossido di mercurio PX27, che hanno una tensione d’uscita da 5,6 volt costanti, con quattro batterie 386 all’ossido d’argento da 1,55 volt. All’interno dell’adattatore, è presente un circuito per la riduzione automatica del voltaggio, da 6,2 volt delle quattro batterie 386 ai 5,6 volt delle classiche PX27 all’ossido di mercurio.
L’uso dell’adattatore V27PX non richiede nessuna compensazione dell’esposizione, né alcuna modifica dei circuiti della macchina.
L’unica accortezza da avere, è che l’adattatore MR-9 è progettato per funzionare con fotocamere ed esposimetri che hanno un flusso di corrente che non superi i 200 microamperes. Non si conoscono casi al riguardo. L’adattatore in questione è fabbricato dalla ditta giapponese Kanto.

LE BATTERIE ALL’OSSIDO DI MERCURIO PX400:
Tipo: ossido di mercurio.
Diametro: 11,2 mm (9,6 mm senza collare).
Altezza: 3,6 mm.
Voltaggio d’uscita: 1,35 volt (costante).
Le batterie all’ossido di mercurio, tipo PX400 ed equivalenti, sono state poste fuori produzione a causa dell’elevata tossicità del mercurio, un metallo pesante altamente nocivo per l’ambiente e per la salute umana.
LE BATTERIE ALL’OSSIDO D’ARGENTO TIPO S400PX:
Tipo: ossido d’argento.
Diametro: 11,2 mm (9,6 mm senza collare).
Altezza: 3,6 mm.
Voltaggio d’uscita: 1,55 volt (costante).
Le pile S400PX producono un voltaggio d’uscita pari a 1,55 volt, superiore a quello di 1,35 volt che producevano le classiche PX400 all’ossido di mercurio. Questa differenza viene di norma tollerata dalle moderne pellicole negative, a colori o in bianco nero, e non costituisce un problema. La stessa cosa non si può dire per le pellicole diapositive a colori. Le pile S400PX, però, hanno un grosso vantaggio: il loro voltaggio d’uscita è stabile. Pertanto, è possibile impostare una compensazione fissa sulla ghiera di regolazione della sensibilità ASA, di norma attorno ai due stop in sottoesposizione.
LE BATTERIE ALLO ZINCO – ARIA WEINCELL MRB400:
Tipo: zinco - aria.
Diametro: 11,2 mm (9,6 mm senza collare).
Altezza: 3,6 mm.
Voltaggio d’uscita: 1,35 volt (costante).
Le pile Weincell MRB400 derivano dalle batterie allo zinco – aria da 1,4 volt, che hanno sostituito le pile al mercurio negli apparecchi per i non udenti. Per attivare le pile allo zinco aria, occorre togliere un dischetto adesivo: in tal modo l’aria, penetrando da sette grandi fori, fa reazione con lo zinco, attivando la batteria. Le pile allo zinco – aria per i non udenti hanno un vantaggio e due svantaggi. Il vantaggio è un basso prezzo d’acquisto, gli svantaggi sono dati dal voltaggio leggermente superiore (1,4 volt) e dalla durata, in genere compresa tra due e quattro mesi. La Weincell ha migliorato la tecnologia delle prime batterie per non udenti, utilizzando un elettrolito proprietario, che ha ridotto la tensione del voltaggio in uscita ai canonici 1,35 volt. Inoltre, sono stati usati due piccoli fori, per il passaggio dell’aria, in luogo dei sette grandi fori. Ciò ha allungato la vita utile delle pile ad un anno. Certo, siamo ancora lontani dagli exploit delle classiche PX400 all’ossido di mercurio, che potevano durare anche sino a tre anni, ma è comunque un buon risultato. Inoltre, le Weincell MRB400 hanno le stesse identiche dimensioni delle vecchie pile PX400 all’ossido di mercurio. Il voltaggio delle Weincell MRB625 non solo è pari a 1,35 volt ma è assolutamente stabile. Una volta tolto il dischetto adesivo, l’aria penetra dai due piccoli fori, fa reazione con lo zinco e dopo circa mezz’ora la pila è pronta per l’uso. Il dischetto adesivo andrebbe conservato, in quanto può essere rimesso al suo posto, per allungare la vita utile della batteria. Dal momento che le Weincell MRB400 durano, in confezione integra, sino a 10 anni, è possibile farne una scorta. Tenendo presenti tutte le loro caratteristiche, le MRB400 rappresentano la migliore soluzione, a parte gli specifici adattatori, per la sostituzione delle PX400 all’ossido di mercurio.
LE BATTERIE ALL’OSSIDO DI MERCURIO PX675/PX76/MR44:
Tipo: ossido di mercurio.
Diametro: 11,6 mm.
Altezza: 5,4 mm.
Voltaggio d’uscita: 1,35 volt (costante).
Le batterie all’ossido di mercurio, tipo PX675/PX76/MR44 ed equivalenti, sono state poste fuori produzione a causa dell’elevata tossicità del mercurio, un metallo pesante altamente nocivo per l’ambiente e per la salute umana.
LE BATTERIE ALCALINE TIPO LR44 (AG13):
Tipo: alcalina.
Diametro: 11,6 mm.
Altezza: 5,4 mm.
Voltaggio d’uscita: 1,5 volt (non costante).
Si tratta della soluzione più economica, per la sostituzione delle pile all’ossido di mercurio PX675/PX76/MR44. Le pile tipo LR44 (AG13), hanno le stesse dimensioni delle classiche pile all’ossido di mercurio tipo PX675/PX76/MR44 ma il voltaggio è superiore (1,5 volt contro 1,35 volt). La differenza di voltaggio potrebbe non costituire un handicap, ma, come con tutte le batterie alcaline, anche le LR44 (AG13) hanno lo svantaggio di un voltaggio non stabile. Le LR44 (AG13), quando sono fresche, hanno un voltaggio in uscita pari a 1,5 volt, il quale decresce rapidamente verso 1,35 volt e poi ancora più giù. Se le LR44 (AG13) vengono usate in una fotocamera che richiede un voltaggio stabile, ll loro utilizzo costringerebbe ad una continua ed estenuante opera di compensazione.
LE BATTERIE ALL’OSSIDO D’ARGENTO TIPO PX675S (SR44/357):
Tipo: ossido d’argento.
Diametro: 11,6 mm.
Altezza: 5,4 mm.
Voltaggio d’uscita: 1,55 volt (costante).
Le pile PX675S (SR44/357) producono un voltaggio d’uscita pari a 1,55 volt, superiore a quello di 1,35 volt che producevano le classiche PX675/PX76/MR44 all’ossido di mercurio. Questa differenza viene di norma tollerata dalle moderne pellicole negative, a colori o in bianco nero, e non costituisce un problema. La stessa cosa non si può dire per le pellicole diapositive a colori. Le pile PX675S (SR44/357), però, hanno un grosso vantaggio: il loro voltaggio d’uscita è stabile. Pertanto, è possibile impostare una compensazione fissa sulla ghiera di regolazione della sensibilità ASA, di norma attorno ai due stop in sottoesposizione.
LE BATTERIE ALLO ZINCO – ARIA WEINCELL MRB675:
Tipo: zinco - aria.
Diametro: 11,6 mm.
Altezza: 5,4 mm.
Voltaggio d’uscita: 1,35 volt (costante).
Le pile Weincell MRB675 derivano dalle batterie allo zinco – aria da 1,4 volt, che hanno sostituito le pile al mercurio negli apparecchi per i non udenti. Per attivare le pile allo zinco aria, occorre togliere un dischetto adesivo: in tal modo l’aria, penetrando da sette grandi fori, fa reazione con lo zinco, attivando la batteria. Le pile allo zinco – aria per i non udenti hanno un vantaggio e due svantaggi. Il vantaggio è un basso prezzo d’acquisto, gli svantaggi sono dati dal voltaggio leggermente superiore (1,4 volt) e dalla durata, in genere compresa tra due e quattro mesi. La Weincell ha migliorato la tecnologia delle prime batterie per non udenti, utilizzando un elettrolito proprietario, che ha ridotto la tensione del voltaggio in uscita ai canonici 1,35 volt. Inoltre, sono stati usati due piccoli fori, per il passaggio dell’aria, in luogo dei sette grandi fori. Ciò ha allungato la vita utile delle pile ad un anno. Certo, siamo ancora lontani dagli exploit delle classiche PX675/PX76/MR44 all’ossido di mercurio, che potevano durare anche sino a tre anni, ma è comunque un buon risultato. Inoltre, le Weincell MRB675 hanno le stesse identiche dimensioni delle vecchie pile PX675/PX76/MR44 all’ossido di mercurio. Il voltaggio delle Weincell MRB675 non solo è pari a 1,35 volt ma è assolutamente stabile. Una volta tolto il dischetto adesivo, l’aria penetra dai due piccoli fori, fa reazione con lo zinco e dopo circa mezz’ora la pila è pronta per l’uso. Il dischetto adesivo andrebbe conservato, in quanto può essere rimesso al suo posto, per allungare la vita utile della batteria. Dal momento che le Weincell MRB675 durano, in confezione integra, sino a 10 anni, è possibile farne una scorta. Tenendo presenti tutte le loro caratteristiche, le MRB675 rappresentano la migliore soluzione, a parte gli specifici adattatori, per la sostituzione delle PX675/PX76/MR44 all’ossido di mercurio.
L’ADATTATORE MR-44 CON RIDUTTORE DI VOLTAGGIO:
Tipo: adattatore, con circuito per la riduzione del voltaggio.
Diametro: 11,6 mm.
Altezza: 5,4 mm.
Voltaggio d’uscita: 1,35 volt (costante).
Rappresenta la migliore soluzione, qualora non si vogliano utilizzare le pile allo zinco – aria Weincell MRB675. Inoltre, costituisce un vantaggio quando non si vuol far ritarare il circuito della fotocamera, o dell’esposimetro esterno, allo scopo di non modificare l’estetica e la funzionalità di apparecchi che devono rimanere nelle loro condizioni originali. Al suo interno, l’adattatore MR-44 alloggia una batteria 392 all’ossido d’argento, caratterizzata da un voltaggio costante di 1,55 volt. Un circuito, incorporato nell’adattatore, riduce automaticamente il voltaggio a 1,35 volt costanti, permettendo il perfetto funzionamento di tutte le macchine previste per l’uso delle pile PX675/PX76/MR44 all’ossido di mercurio da 1,35 volt.
L’uso dell’adattatore MR-44 non richiede nessuna compensazione dell’esposizione, né alcuna modifica dei circuiti della macchina. Non richiede nessuna attivazione con l’aria. Infine, le pile all’ossido d’argento da 1,55 volt come le 392 hanno una vita utile più elevata di quelle delle pile allo zinco – aria tipo Weincell MRB675.
L’unica accortezza da avere, è che l’adattatore MR-44 è progettato per funzionare con fotocamere ed esposimetri che hanno un flusso di corrente che non superi i 200 microamperes. In caso contrario, l’esposimetro continua a funzionare perfettamente, ma il pulsante di check battery o non funziona oppure fornisce dati errati. L’adattatore in questione è fabbricato dalla ditta giapponese Kanto.
LE BATTERIE ALL’OSSIDO DI MERCURIO PX640:
Tipo: ossido di mercurio.
Diametro: 16 mm.
Altezza: 11,2 mm.
Voltaggio d’uscita: 1,35 volt (costante).
Le batterie all’ossido di mercurio, tipo PX640 ed equivalenti, sono state poste fuori produzione a causa dell’elevata tossicità del mercurio, un metallo pesante altamente nocivo per l’ambiente e per la salute umana.
LE BATTERIE ALCALINE TIPO PC640A:
Tipo: alcalina.
Diametro: 16 mm.
Altezza: 11,2 mm.
Voltaggio d’uscita: 1,5 volt (non costante).
Si tratta della soluzione più economica, per la sostituzione delle pile all’ossido di mercurio PX640. Le pile tipo PC640A hanno le stesse dimensioni delle classiche pile all’ossido di mercurio tipo PX640 ma il voltaggio è superiore (1,5 volt contro 1,35 volt). La differenza di voltaggio potrebbe non costituire un handicap, ma, come con tutte le batterie alcaline, anche le PC640A hanno lo svantaggio di un voltaggio non stabile. Le PC640A, quando sono fresche, hanno un voltaggio in uscita pari a 1,5 volt, il quale decresce rapidamente verso 1,35 volt e poi ancora più giù. Se le PC640A vengono usate in una fotocamera che richiede un voltaggio stabile, ll loro utilizzo costringerebbe ad una continua ed estenuante opera di compensazione.
L’ADATTATORE MR-52 CON CONVERTITORE DI VOLTAGGIO:
Tipo: adattatore, con circuito per la convertitore del voltaggio.
Diametro: 16 mm.
Altezza: 11,2 mm.
Voltaggio d’uscita: 1,35 volt (costante).
Rappresenta la migliore soluzione per il rimpiazzo delle batterie all’ossido di mercurio PX640. Prevede l’uso delle pile allo zinco – aria Weincell MRB675 (vedi sopra). L’adattatore in questione è fabbricato dalla ditta giapponese Kanto.
LE BATTERIE ALL’OSSIDO DI MERCURIO PX21:
Tipo: ossido di mercurio.
Diametro: 16,8 mm.
Altezza: 49,9 mm.
Voltaggio d’uscita: 4,5 volt (costante).
Le batterie all’ossido di mercurio, tipo PX21 ed equivalenti, sono state poste fuori produzione a causa dell’elevata tossicità del mercurio, un metallo pesante altamente nocivo per l’ambiente e per la salute umana. Erano usate da molte fotocamere Praktica, come le LLC, EE/EE2/EE3, PLC/PLC2/PLC3, VLC/VLC2/VLC3.
LE BATTERIE ALCALINE TIPO PX21A/523:
Tipo: alcalina.
Diametro: 16,8 mm.
Altezza: 49,9 mm.
Voltaggio d’uscita: 4,5 volt (non costante).
Si tratta dell’unica soluzione per la sostituzione delle pile all’ossido di mercurio PX21. Le pile tipo PX21A/523 hanno le stesse dimensioni delle classiche pile all’ossido di mercurio tipo PX21 e pure il medesimo il voltaggio (4,5 volt). Tuttavia, la tensione di alimentazione non è stabile nel tempo. Pertanto, il loro utilizzo richiede una continua ed estenuante opera di compensazione.
LE BATTERIE ALL’OSSIDO DI MERCURIO PX32:
Tipo: ossido di mercurio.
Diametro: 17,1 mm.
Altezza: 44,9 mm.
Voltaggio d’uscita: 5,6 volt (costante).
Le batterie all’ossido di mercurio, tipo PX32 ed equivalenti, sono state poste fuori produzione a causa dell’elevata tossicità del mercurio, un metallo pesante altamente nocivo per l’ambiente e per la salute umana. Erano usate da molte fotocamere a telemetro Yashica, come le Electro 35, Electro 35GL, Electro 35 GT, Electro GS, Electro 35 GTS, Electro 35 GTN, Electro 35 AX e MG-1.
LE BATTERIE ALCALINE TIPO A32PX:
Tipo: alcalina.
Diametro: 17,1 mm.
Altezza: 44,9 mm.
Voltaggio d’uscita: 6 volt (non costante).
Si tratta di una delle possibili soluzioni per la sostituzione delle pile all’ossido di mercurio PX32. Le pile tipo PX32 hanno le stesse dimensioni delle classiche pile all’ossido di mercurio tipo PX32 edc equivalenti ma con un voltaggio superiore (6 volt contro 5,6 volt). Tuttavia, i circuiti elettrici delle su menzionate fotocamere a telemetro Yashica sono progettati per sopportare una tensione di alimentazione maggiore, per cui non ci sarebbe nessun problema, a parte il fatto che la tensione di alimentazione delle pile alcaline non è stabile nel tempo. Pertanto, il loro utilizzo richiede una continua ed estenuante opera di compensazione.

4) ISTRUZIONI D’USO DELL’ADATTATORE MR-9:
L’adattatore MR-9, prodotto dalla ditta specializzata giapponese Kanto e distribuito in Europa dalla società britannica “The Small Battery Company”, serve per sostituire le batterie all’ossido di mercurio tipo PX625/PX13 da 1,35 volt, con le batterie all’ossido d’argento da 1,55 volt tipo SR-43 (386).
La pila all’ossido d’argento si inserisce all’interno dell’adattatore, facendo in modo che il polo positivo (+) sia rivolto verso l’interno dell’adattatore MR-9. L’adattatore, con la pila inserita, va poi sistemato all’interno del vano batteria della macchina o dell’espoimetro separato, rispettando l’originaria polarità.
L’adattatore MR-9 può essere usato solo con le batterie SE-43 (386). Non usare le pile alcaline a bottone da 1,5 volt, in quanto forniscono risultati mediocri, a causa dell’elevata scarica della tensione.
L’uso di questo adattatore potrebbe portare a risultati differenti, in termini d’esposizione, rispetto all’uso delle originarie pile PX625/PX13 all’ossido di mercurio da 1,35 volt.
L’adattatore MR-9 ha, al suo interno, un circuito elettrico che riduce automaticamente la tensione d’alimentazione da 1,55 a 1,35 volt.

5) ISTRUZIONI D’USO DELL’ADATTATORE V27PX:
L’adattatore V27PX, prodotto dalla ditta specializzata giapponese Kanto e distribuito in Europa dalla società britannica “The Small Battery Company”, serve per sostituire le batterie all’ossido di mercurio tipo PX27 da 5,6 volt, con quattro batterie all’ossido d’argento da 1,55 volt tipo SR-43 (386) o con una batteria S27PX da 6 volt all’ossido d’argento.
Le pila all’ossido d’argento si inseriscono all’interno dell’adattatore, facendo in modo che il polo positivo (+) sia rivolto verso l’interno dell’adattatore V27PX. L’adattatore, con la pila inserita, va poi sistemato all’interno del vano batteria della macchina, rispettando l’originaria polarità.
L’adattatore V27PX può essere usato solo con quattro batterie SE-43 (386) o con una batteria S27PX da 6 volt all’ossido d’argento. Non usare le pile alcaline, in quanto forniscono risultati mediocri, a causa dell’elevata scarica della tensione.
L’uso di questo adattatore potrebbe portare a risultati differenti, in termini d’esposizione, rispetto all’uso delle originarie pile PX27 all’ossido di mercurio da 5,6 volt.
L’adattatore V27PX ha, al suo interno, un circuito elettrico che riduce automaticamente la tensione d’alimentazione da 6 a 5,06 volt.

Ciao.
Vincenzo
Vincenzo Maielli
senior member
 
Messaggi: 239
Iscritto il: lun mar 29, 2010 1:44 pm
 

Re: COME SOSTITUIRE LE PILE ALL'OSSIDO DI MERCURIO

Messaggioda california » ven apr 02, 2010 11:26 am

:miii: :shock: :shock: :shock:

... é la tua tesi di laurea??? :teach:

Complimenti per l'impegno, un pó ponderoso e difficile da leggere qui sul forum (me lo sono copincollato su word, l'ho riformattato e me lo sono stampato...), ma molto utile per chi non avesse ben presente la situazione.

Bravo! :clap:
Davide
Spotmatic e altre cose.

"Il rumore e' un difetto digitale, la grana e' un pregio analogico." (Roberto B)
Avatar utente
california
Azionista del forum
 
Messaggi: 2806
Iscritto il: mer feb 13, 2008 7:04 pm
Località: Milano - Padova
 

Re: COME SOSTITUIRE LE PILE ALL'OSSIDO DI MERCURIO

Messaggioda angelodn » ven apr 02, 2010 4:21 pm

Vincenzo l'ho letto spesso su Leicapassion,
questo è solo un accenno delle sue competenze...davvero impressionante.

Grazie Vincenzo per il tuo contributo.
angelodn
Digital Admin
 
Messaggi: 3740
Iscritto il: mer feb 13, 2008 6:23 pm
Località: FIRENZE
 

Re: COME SOSTITUIRE LE PILE ALL'OSSIDO DI MERCURIO

Messaggioda erminio » dom apr 04, 2010 8:23 am

grazie Vincenzo!!
bel lavoro!
anch'io lo seguo su LP

un saluto
erminio

FLP apx100
PPG
il mio sito..
500px
Avatar utente
erminio
Opinionista assiduo
 
Messaggi: 1360
Iscritto il: mer gen 20, 2010 9:43 am
Località: Milano
Skype: er_minio
 

Re: COME SOSTITUIRE LE PILE ALL'OSSIDO DI MERCURIO

Messaggioda Pentax77 » lun apr 05, 2010 9:57 am

Conosco Vincenzo personalmente e posso testimoniare che la sua è veramente una passione per la foto con la P maiuscola. Pellicolaro doc con una competenza senza confini, ma prima di tutto un grande amico. :cincin:
Avatar utente
Pentax77
Postofilo forsennato
 
Messaggi: 779
Iscritto il: sab mar 22, 2008 7:33 pm
Località: Caput Mundi
 

Re: COME SOSTITUIRE LE PILE ALL'OSSIDO DI MERCURIO

Messaggioda ellepi » lun apr 05, 2010 10:03 am

Una lettura davvero interessante (soprattutto se effettuata a pasquetta mentre si lavora).
Grazie :cincin:
FLP-FLD
IMHO
M42 2028355590105135150200
Mamiya M645 1000S (24)5580150210
K 505510013570210
Avatar utente
ellepi
Ho fuso la tastiera...
 
Messaggi: 6944
Iscritto il: ven gen 09, 2009 2:13 pm
Località: Treviso/Roma
 

Re: COME SOSTITUIRE LE PILE ALL'OSSIDO DI MERCURIO

Messaggioda thea » lun apr 05, 2010 11:15 pm

Mi farò un pin con su scritto:

"Vincenzo è amico mio!"


:lol: :lol:
Le mie foto su Flickr: http://www.flickr.com/photos/13011142@N04/
FLP - Agfa Apx 100
Avatar utente
thea
Azionista del forum
 
Messaggi: 3427
Iscritto il: mar set 23, 2008 2:18 am
 

Re: COME SOSTITUIRE LE PILE ALL'OSSIDO DI MERCURIO

Messaggioda tartaglia » mar apr 06, 2010 10:06 am

thea ha scritto:Mi farò un pin con su scritto:

"Vincenzo è amico mio!"


:lol: :lol:


Fatti ANCHE una spilla con un diodo 1N5711 :wink2:
"Che cosa non darei per avere un'enorme palata di cacca di cavallo " [Woody Allen]

Critiche a i commenti e commenti alle critiche sempre graditi...
Avatar utente
tartaglia
Postofilo forsennato
 
Messaggi: 16532
Iscritto il: ven ago 29, 2008 8:04 pm
Località: Genova
 


Torna a Mondo pellicola

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti